Referendum, “votare sì contro la casta: scelta chiara”

Massimo De Rosa, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Regione Lombardia. "Provvedimento che si discute da anni".

(red.) “Sento parlare di riduzione del numero dei parlamentari, fin da quando ero bambino. Una riforma che tutti hanno promesso e votato, sulla quale tutti sono d’accordo, almeno finché non arriva qualcuno, come il Movimento Cinque Stelle, che la realizza davvero” spiega Massimo De Rosa, capogruppo del Movimento Cinque Stelle in Regione Lombardia.

“Alla paura dell’antipolitica, della casta, di chi vuole la restaurazione per difendere i propri interessi, rispondiamo con la coerenza e il rispetto di una promessa che rappresenta il primo passo verso una riforma che non costringa mai più gli italiani a votare con leggi elettorali ‘ad personam’ o peggio ‘a partito’ come il Rosatellum, l’Italicum o il Porcellum. La nostra proposta è chiara, coerente e trasparente, votata a larghissima maggioranza da TUTTO il Parlamento. Le uniche ragioni del NO? ‘Teniamoci le poltrone’. Qui non si tratta di personalizzare un voto, il sì sarà la vittoria di tutti gli italiani. Qui si tratta di imboccare una strada per andare avanti” conclude De Rosa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.