Quantcast

Rilanciare l’Italia post Covid, il piano della task force di Colao

Dal lavoro al turismo, dall'ambiente alle infrastrutture, dalla pubblica amministrazione alla cultura e alla famiglia.

(red.) Da ieri, lunedì 8 giugno, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha un elenco di cento proposte con cui avviare un percorso di rilancio nei prossimi due anni e con cui lasciarsi alle spalle questo drammatico periodo, sanitario ed economico, connesso al coronavirus. Si tratta del documento consegnato dal manager bresciano Vittorio Colao e frutto del lavoro della task force che ha visto il coinvolgimento di diciassette profili tra economisti, manager ed esperti. Nel piano di rilancio al quale il Paese sarà chiamato a lavorare c’è spazio per il turismo e l’ambiente, una pubblica amministrazione più moderna e le infrastrutture.

Sono sei, in particolare, gli ambiti di intervento che prevedono il ruolo delle imprese e del lavoro, le infrastrutture, l’ambiente, il turismo, l’arte e la cultura, la pubblica amministrazione, l’istruzione e la ricerca, oltre alle famiglie. E a fronte del fatto che le opposizioni chiedono che il documento sia pubblico, da fonti di stampa emergono alcuni temi.

All’interno delle proposte si parla di rinviare il saldo delle imposte del 2019 e l’acconto per il 2020, escludere il contagio dalla responsabilità penale del datore di lavoro per le imprese non sanitarie e ridurre a livello fiscale, in modo temporaneo, il costo degli interventi organizzativi per mettersi in regola dal punto di vista della sicurezza. Ma anche un codice etico per la Pubblica amministrazione sullo smart working, aiutare a livello fiscale le aziende del turismo, incentivare le imprese di valore che intendono lavorare in Italia, ma anche lo sviluppo del 5G, la green economy e le misure contro il dissesto idrogeologico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.