Quinzano, si dimette il Consiglio comunale. In arrivo il commissario

Ieri sera l'improvvisa decisione comunicata in una lettera alla quale tutti i consiglieri hanno voluto aderire.

(red.) “Terremoto” amministrativo a Quinzano d’Oglio, nella bassa bresciana, dove l’intero Consiglio comunale si è dimesso facendo sciogliere con ampio anticipo la legislatura guidata dal sindaco Andrea Soregaroli. L’atto finale è improvviso è arrivato ieri sera, giovedì 28 novembre, al termine di una seduta dell’assemblea del Consiglio che aveva visto una serie di ordini del giorno. Tra cui anche la revoca dell’amministratore unico in capo alla società partecipata Quinzano Servizi.

Proprio questo elemento ha portato l’ex vicesindaco Graziano Bolzani a leggere in diretta una comunicazione rivolta a tutti i cittadini e attaccando la gestione del sindaco, al quarto mandato consecutivo per la “Civica Quinzano”. Le difficoltà connesse alla partecipata hanno spinto i sette consiglieri di maggioranza, insieme ai quattro di minoranza, ad aderire e portando alle dimissioni dopo nemmeno un anno e mezzo di amministrazione.

Il primo cittadino Andrea Soregaroli ieri non era presente alla seduta e ha incassato il colpo subito dopo. La decisione di sciogliere la consigliatura è arrivata al termine dell’approvazione dei vari ordini del giorno. Ora la palla passa alla prefettura per la nomina di un commissario che si occuperà del lavoro ordinario in vista delle prossime elezioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.