Quantcast

Comunali Loggia, la Lega ha lanciato Paola Vilardi

Lunedì è stata presentata la candidatura sostenuta dalla Lega e che guarda a tutto il centro destra. Sfiderà Emilio Del Bono alle elezioni di primavera.

(red.) Da lunedì 26 marzo il Carroccio bresciano ha ufficialmente il candidato sindaco in vista delle elezioni amministrative a palazzo Loggia di primavera. Si tratta di Paola Vilardi, ex assessore all’Urbanistica, che lunedì in via Cefalonia ha presentato la sua candidatura nella sfida contro l’uscente e ricandidato Emilio Del Bono del centro sinistra. Con la Vilardi c’era anche la composizione leghista bresciana, dal segretario provinciale Paolo Formentini al segretario cittadino Matteo Rinaldi, Fabio Rolfi che avrà un assessorato in Regione, Massimo Tacconi capogruppo del partito in Loggia e Simona Bordonali.

Dalla conferenza stampa di lancio della candidatura, Paola Vilardi ha ammesso che la sua dovrebbe essere “un’amministrazione diversa, perché quella degli ultimi cinque anni è stata una di un commissario prefettizio. Questa giunta non ha avuto ambizioni per il futuro della città e nemmeno capacità di immaginare il domani. Noi invece l’ambizione l’abbiamo. Oggi si raggiunge l’intesa con la Lega, ma c’è già l’accordo con Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia e nei prossimi giorni scriveremo il programma”.

Uno dei punti sarà la sicurezza, con il contrasto all’immigrazione clandestina, poi la famiglia al centro della politica sociale con, per esempio, gli asili nido gratuiti, quindi anche il commercio e le periferie. Sul fronte politico, lo slancio a livello nazionale del centro destra ha permesso di rilanciare le ambizioni anche a Brescia. La candidata Vilardi ha sottolineato che incontrerà tutte le liste civiche e non esclude il dialogo nemmeno con il Movimento 5 Stelle.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.