Api Industria: confermato Douglas Sivieri

La decisione è stata presa dai 15 consiglieri eletti per il direttivo: "È mia intenzione istituire inoltre un Comitato di rappresentanza dell’Associazione, composto da imprenditori".

Più informazioni su

(red.) Si è svolta la prima riunione del Consiglio Direttivo di Apindustria nella sede di via Lippi, a Brescia, alla quale hanno partecipato i 15 membri eletti per voto palese in occasione dell’assemblea ordinaria che si è tenuta lo scorso 24 maggio, oltre ai presidenti delle Unioni di categoria, dei Gruppi e ai rappresentanti del Collegio Sindacale e dei Probiviri.

I 15 consiglieri neoeletti, chiamati a scegliere il presidente dell’Associazione per il triennio 2017/20, hanno confermato all’unanimità il secondo mandato di Douglas Sivieri (50 anni, titolare di IT Core), a seguito di numerosi interventi di apprezzamento per l’operato del precedente triennio. Al suo fianco, i cinque vice presidenti scelti come membri di Giunta sono: Marco Mariotti (Sidermariotti srl), vice presidente vicario, Mario Magazza (Oxyturbo srl), vice presidente tesoriere, Monia Lunini (Errecom srl), Alessandro Orizio (O.M.M. srl) e Chiara Pastore (Vetrodomus spa).

«Tra i primi passi nell’ambito del programma di lavoro per il nuovo mandato saranno assegnate le deleghe ai diversi settori, allargate da quest’anno anche a membri del Direttivo esterni alla Giunta – spiega Sivieri -. È mia intenzione istituire inoltre un Comitato di rappresentanza dell’Associazione, composto da imprenditori, ai numerosi tavoli istituzionali ai quali siamo oggi presenti e una Consulta che raggruppi alcuni associati dotata di valore strategico, fonte di idee e spunti operativi. A livello generale, proseguiremo nel percorso di crescita associativa e di vicinanza concreta alle imprese e al territorio – aggiunge -. Un’impronta che ha contraddistinto i primi tre anni del mio mandato e che si è dimostrata vincente».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.