Quantcast

Comunità del Garda, Gelmini presidente

L'ex-ministro della Pubblica Istruzione scelto all'unanimità. Prima donna alla guida della realtà gardesana.

gelmini(red.) Lunedì 26 ottobre si è svolta, nella sede della Comunità a Villa Mirabella, nel comune di Gardone Riviera,  l’Assemblea Generale straordinaria della Comunità del Garda, convocata a seguito delle dimissioni del presidente Giorgio Passionelli e, successivamente, del Consiglio Direttivo.
Presieduta dal Vice Presidente anziano uscente, Giampiero Seresina, l’assemblea si è riunita per affrontare l’ordine del giorno che prevedeva l’elezione del Presidente e del Consiglio Direttivo. La candidatura di Mariastella Gelmini, proposta dal Sindaco di Salò Giampiero Cipani, a nome di tutti i Sindaci dei comuni aderenti di parte Bresciana, ha trovato convergenza unanime anche tra i soci di area Veronese, Trentina e Mantovana, come registrato dagli interventi di Antonio Pasotti, Sindaco di Garda, del Vice Sindaco di Nago Torbole, Luigi Masato e del Sindaco di Cavriana, Giorgio Cauzzi. Prima donna alla presidenza della Comunità del Garda è dunque stata proclamata Mariastella Gelmini.
Presidente del consiglio comunale di Desenzano del Garda, poi Assessore al Territorio e poi all’Agricoltura della Provincia di Brescia, successivamente Consigliere regionale in Lombardia, Mariastella Gelmini è stata deputato di Forza Italia (2006-2008) e Ministro dell’Istruzione nel IV Governo Berlusconi (2008-2011). Dal marzo 2013 è Vicecapogruppo vicario del gruppo PdL alla Camera dei Deputati. Nel marzo 2014 è diventata membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia venendo poi nominata coordinatrice del partito in Lombardia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.