Sel: “Con Libera per un reddito di dignità”

Sinistra Ecologia Libertà Brescia ha aderito alla campagna dei 100 giorni organizzati dall'associazione di Don Ciotti.

libera-reddito-sel-brescia(red.) La segreteria provinciale di Bresca di Sel aderisce alla campagna di Libera “100 giorni per un reddito di dignità”.
“Il tasso di disoccupazione è a livelli altissimi”, ha commentato Giada Stefana, responsabile provinciale politiche giovanili Sel Brescia, “la disoccupazione giovanile è oltre il 40%, il resto dei giovani è per la maggior parte precario e senza diritti. I precari in totale sono oltre 3 milioni. Cioè milioni di lavoratori e lavoratrici che una volta perso il lavoro non hanno più nessuna fonte di reddito. Oltre 9 milioni di persone vivono nell’area della sofferenza e del disagio occupazionale, tra disoccupati, cassintegrati, precari”.
I giovani Neet, si legge nella nota, ovvero coloro che non studiano e non lavorano perché non vedono in essi strumenti per il futuro, sono oltre 2 milioni. “Una sofferenza sociale inaudita, manifestatasi nelle piazze di questi mesi, che non viene intercettata da questo governo e tanto meno da una legge di stabilità che non prevede misure adeguate sul lavoro, la precarietà, il disagio generazionale. Occorre dunque un nuovo sistema di welfare, che promuova le persone e le loro opportunità, che riconosca l’autonomia di scelta professionale, intellettuale ed artistica e che garantisca la continuità del reddito nei tempi di non lavoro. Un modello di welfare universale, che estenda tutele e diritti acquisiti a coloro cui vengono negati. Questo nuovo modello, per noi di Sinistra Ecologia Libertà, passa attraverso l’istituzione di un Reddito Minimo Garantito come diritto inalienabile di ogni individuo. Per questo sosteniamo con grande forza la campagna “100 giorni per un reddito di dignità” di Don Luigi Ciotti e Libera Contro le Mafie: una grande raccolta di firme popolare per chiedere al Parlamento di agire ora e subito”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.