Quantcast

A Brescia una “Giornata della Romania”

Viviana Beccalossi "ospite d'onore" dell'evento, dopo le polemiche per un suo post su Facebook sul drammatico incidente di Verolanuova.

(red.) Il movimento “Europei per l’Italia” intende promuovere prossimamente a Brescia una “Giornata della Romania” che serva come momento di reciproca conoscenza tra italiani e rumeni a quasi otto anni dall’ingresso della Romania nella UE avvenuto il 1 gennaio 2007.
«L’evento- spiega Marian Mocanu- vuole essere una risposta costruttiva alle polemiche di questi giorni». Il riferimento è alle parole postate su facebook dall’assessore regionale al territorio, la bresciana Viviana Beccalossi (leadre di FdI), che, dopo il tragico incidente di Verolanuova avvenuto il 20 agosto in cui hanno perso la vita due bambini di 5 e 11 anni e dun rumeno di 19 anni affermava di non essere affatto dispiaciuta per la morte di un «rumeno ubriaco e assassino». E proprio Beccalossi è stata inviata come «ospite d’onore», questo- viene spiegato- «per dimostrare la volontà costruttiva che si intende perseguire. Una volontà di costruire un ponte sempre più vicino tra la Romania, la comunità; rumena e la Lombardia».
La mattinata , la cui data verrà comunicata successivamente, prevede tre focus: il primo culturale con un intervento del Dottor Marco Baratto sulle relazione rumeno-italiane durante la grande guerra. A questo appuntamento seguirà l’omaggio al Sacrario Militare nel Cimitero Civile di Brescia «per ricordare i caduti della grande guerra e moralmente tutti i soldati transilvani caduti in terra Lombarda dal 1859 al 1918».
La seconda parte della giornata prevede un focus politico con l’intervento del Presidente del Movimento “Europei per l’Italia” sulla partecipazione della comunitàrumena alla vita politica locale. A questo appuntamento, «in segno di vera e profonda collaborazione, saranno invitate tutte le forze politiche che daranno il loro consenso».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.