Stamina, “interverremo in caso di irregolarità”

Roberto Maroni ha spieato la linea della Regione Lombardia sulla sperimentazione. " Noi non abbiamo titolo a intervenire, se non esercitando un ruolo di controllo".

(red.) Se ci saranno irregolarità o coni d’ombra, Regione Lombardia interverrà sulla questione Stamina. Lo ha dichiarato nella mattinata di sabato 25 gennaio Roberto Maroni, numero uno di Palazzo Pirelli.  “Ieri abbiamo deciso di fare i nostri approfondimenti, se ci saranno irregolarità interverremo. Giovedì prossimo incontrerò il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che viene in visita in Lombardia, e per allora avrò gli esiti di questa indagine”, ha dichiarato Maroni intervistato da Radio24.
“La convenzione”, ha aggiunto il governatore, parlando della partnership tra Stamina foundation e l’ospedale bresciano, “è stata fatta fra il Civile di Brescia e la Fondazione Stamina onlus prima che io fossi governatore, e senza passare dalla Regione. Noi, quindi, non abbiamo titolo a intervenire, se non esercitando un ruolo di controllo. E’ proprio questo che voglio fare, perché non mi piace l’idea che proprio nel settore della ricerca, dove come ho detto, voglio investire, si possa pensare che in Lombardia si fanno le cose con leggerezza, fra l’altro mettendo di mezzo le persone”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.