Quantcast

Pd, ai bresciani piace Renzi

Nelle elezioni dei congressi di circolo il sindaco di Firenze avrebbe ottenuto il 49% circa dei consensi. Solo la metà degli iscritti è però andata al voto.

(red.) Una cosa è certa. A Brescia Renzi piace. Almeno fra gli elettori del Pd. È quanto emerge dopo le votazioni dei congressi di circolo che si sono concluse lunedì 18 novembre e che fanno parte delle elezioni preliminari che porteranno i delegati al congresso nazionale previsto per l’8 dicembre.
Dopo le elezioni della segreteria provinciale, in cuiil candidato renziano Antonio Vivenzi, pur senza vincere, si era dimostrato determinante nell’assegnazione della poltrona di segretario, ora per i sostenitori del sindaco di Firenze è arrivata un’altra conferma. Secondo i dati definitivi, pervenuti nel tardo pomeriggio di martedì 19 novembre,  hanno votato 2.684 elettori totali. Matteo Renzi ha guadagnato la fiducia di 1.334 iscritti (49.81%), Gianni Cuperlo si è attestato al 36.48% pari a 977 elettori, Pippo Civati, votato da 351 elettori, ha ottenuto il 13.11%, e lo 0,6% per Gianni Pittella.
L’allargamento dei consensi ha portato addirittura all’apertura di una sede dedicata al sostegno elettorale per le primarie. Soddisfatto l’on. Alfredo Bazoli (anche lui renziano): «Siamo andati meglio che in tutte le altre province lombarde». Resta però l’incognita partecipazione: poco meno del 50% dei tesserati è andato a votare. Se il partito non riesce a convincere nemmeno i suoi affiliati difficile pensare che possa farlo con gli altri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.