Quantcast

Segreteria Pd, torna in gioco Vivenzi?

Orlando, il più votato, potrebbe far convogliare i suoi 36 delegati sul sindaco di Paderno, il meno votato ed escluso dal ballottaggio. Chiesto il parere a Roma.

(red.) Potrebbe essere un ballottaggio con sorpresa quello tra i candidati alla segreteria provinciale del Pd, Michele Orlando e Pietro Bisinella.
Dopo che nella votazione, nessuno ha raggiunto il 50% più 1 dei voti (in corsa c’era anche Antonio Vivenzi), la palla passa al congresso dei delegati del 9 novembre. Ma la soluzione non sembra dietro l’angolo, perché i 106 delegati non saranno schierati su uno dei due candidati, bensì quasi equamente divisi: il 35% Orlando, il 34% Bisinella, il 30% Vivenzi.
E se Bisinella ha già messo sul tavolo dieci punti per un accordo con i renziani, da Orlando potrebbe essere pronto ad accettare la proposta, che era stata pensata più come una provocazione, di Vivenzi: far convergere proprio sul sindaco di Paderno Franciacorta i 36 delegati di Orlando. Una possibilità non contemplata nel regolamento provinciale, e per questo è stato chiesto un parere alla commissione congressuale nazionale. Si attende quindi una risposta da Roma, per evitare irregolarità congressuali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.