Quantcast

“Grillo? Miliardario che gira da una villa all’altra”

Mario Sberna ha reagito agitando il sandalo alla Camera quando un deputato 5 Stelle ha chiamato "ladri" gli altri onorevoli. "Buono sì, ma quando è troppo è troppo".

Più informazioni su

(red.) «Ho insegnato ai miei figli a non toccare nemmeno uno spillo che non sia loro, nella mia vita l’ho sempre fatto ed ora un ragazzino qualunque, baciato dalla sorte o da poche decine di click, accusa di furto centinaia di parlamentari, con arroganza e cattiveria incredibili. Allora, nella confusione generale, m’è venuto il gesto di togliermi il sandalo e agitarlo. Probabilmente se fosse stato vicino a me glielo avrei infilato in bocca. Perché buono sì, ma quando è troppo è troppo».
Mario Sberna, deputato di Scelta Civica eletto a Brescia, ha spiegato così, in una nota, il suo gesto inconsueto. Durante una seduta della Camera, si è tolto il sandalo e lo ha agitato nella direzione dei grillini, dopo che il deputato del M5S Riccardo Fraccaro ha definito “ladri” gli onorevoli degli altri partiti. Per altro, Sberna ha scelto di rinunciare a una parte dello stipendio, trattenendo 2.500 euro.
Alla Zanzara, trasmissione di Radio 24, Sberna ha poi incalzato Beppe Grillo. «I discorsi mi ricordano quelli di Goebbels, quelli dei nazisti, la razza unica, chiudersi perchè sono tutti infetti, gli altri non devono avere nulla a che fare con noi. Grillo è un miliardario che grilla da una villa all’altra. La moglie andava a Malindi a farsi le ferie e bagnarsi i piedini, il sud del mondo serve solo per godersi la vita. Se ne frega dei poveri, fa politica nella maniera più vergognosa possibile, perchè dice le cose per la pancia del Paese e prende voti non si sa per fare cosa».
Beppe Grillo non ha ignorato l’accaduto. Sul suo blog, il comico genovese ha ripreso le parole di Sberna, in un post dal titolo, “Il picchiatore di teste con la verità in tasca”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.