Quantcast

Montichiari, «dimissioni di sindaco e Giunta»

Per Rifondazione comunista «il Sindaco, la sua Giunta ed il suo partito (Lega Nord) sono corresponsabili» dei problemi ambientali nel territorio.

(red.) «Discariche, distruzione del territorio, inquinamento, tutte cose che compromettono la salute dei cittadini, oltre che essere fonti di fastidiosi odori nauseabondi, e che sono frutto di una perversa logica di profitti facili. Tutto questo a Montichiari c’è! La causa è da ricercare nella presenza sul territorio di ben 13 discariche attive, 2 in arrivo e 4 siti da bonificare, che hanno provocato le giuste e legittime proteste dei cittadini».
Lo afferma una nota del Partito della Rifondazione Comunista Circolo di Montichiari e Federazione di Brescia, intervenuto in merito all’arresto del sindaco di Montichiari Elena Zanola, per la vicenda della discarica Gedit di Vighizzolo.
«Senza entrare nel merito del provvedimento ed attendendo il corso della giustizia, occorre sottolineare la logica autoritaria con la quale questa Amministrazione si è sempre mossa, e per la quale la trasparenza, la democrazia e la partecipazione sono sempre state “parole vuote”».
«Anche sulle problematiche ambientaliste e del territorio – scrive il Prc- si è mossa nello stesso modo e con la sola logica che conosce, la mercificazione dei danni subiti dall’ambiente e dalla salute dei cittadini».
Per Rifondazione comunista «il Sindaco, la sua Giunta ed il suo partito (Lega Nord) sono corresponsabili di tutto ciò. Quante discariche nuove ed ampliamenti di quelle esistenti hanno autorizzato a Montichiari la nostra Amministrazione, la Provincia e la Regione tutte nelle mani di PdL e Lega? E questi dovrebbero essere gli strenui difensori del nostro territorio?». «Sid evono dimetetre tutti: sindaco e Giunta» afferma il Partito della Rifondazione Comunista, che spezza anche il silenzio delle opposizioni sulla vicenda. «Glielo impone l’etica del loro mandato e la trasparenza dei loro atti politici ed amministrativi davanti alla popolazione».

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.