Quantcast

Erbusco, si prepara la “campagna d’inverno”

In attesa delle amministrative di primavera in paese si scaldano gli animi. Al centro del dibattito i presunti abusi del Centro Anziani e i divieti di sosta delle scuole.

Più informazioni su

(red.) Il futuro delle elezioni si decide intorno agli anziani. Quello che a prima vista sembra un paradosso è invece la radiografia della campagna elettorale di Erbusco (Brescia), che si preannuncia tosta.
Nonostante l’accesa battaglia su molte questioni urbanistiche ed economiche, la partita elettorale del comune franciacortino sembra proprio si svolgerà attorno al Centro Anziani. Al centro del dibattito i presunti abusi edilizi segnalati proprio dalla Giunta Nodari. Secondo l’Amministrazione, che ha depositato una denuncia alla Procura di Brescia, l’associazione pensionati avrebbe realizzato in autonomia, e senza il regolare consenso del Comune, delle opere di riammodernamento del centro. Opere però considerate abusive dalla Giunta. A opporsi al parere del sindaco uscente (perché al secondo mandato e dunque ineleggibile) è Franco Mingotti, revisore dei conti e uomo di punta dell’opposizione. Mingotti sostiene che i lavori rientrino nell’ordinaria amministrazione, e accusa la maggioranza di speculare su vicende passate al contrario sotto silenzio per molti anni.
Altro tema caldo le scuole: alle materne ed elementari di Villa, i genitori attaccano la decisione dell’Amministrazione di porre alcuni divieti di sosta per ridurre la pericolosità del traffico. In questo caso il Comune ha risposto usando toni più conciliativi e ha convocato un incontro per sabato mattina (ore 10) con una rappresentanza dei genitori con lo scopo di discutere della vicenda. Insomma, con un sindaco che non potrà più essere ricandidato e tanti piccoli conflitti sul piatto, l’inverno di Erbusco si preannuncia bollente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.