Regione, 565mila euro per servizi radio-tv

Il M5S Lombardia ha pubblicato sul blog di Beppe Grillo il resoconto della spesa per iniziative editoriali, anche su emittenti di Brescia.

(red.) Il Movimento 5 Stelle Lombardia, in un’ottica di trasparenza, ha deciso di divulgare il prospetto dettagliato delle somme corrisposte dal Consiglio regionale a radio e tv private per la realizzazione di trasmissioni di informazione sul consiglio stesso. Le somme sono desunte dal bilancio consuntivo 2012.
Il dettaglio attesta a 565 mila euro la spesa complessiva per i servizi radio-tv, anche per emittenti della provincia di Brescia: a Teletutto 23.000 euro, a Più Valli Tv 11.999,99,  a Telecolor, emittente di origine cremonese, che contava però su un distaccamento importante anche a Brescia, 16.000 euro. (spese emittenti televisive locali)
In media, ognuna delle 32 testate che collaborano con la Regione Lombardia riceve poco meno di 18 mila euro. Per la struttura stampa del consiglio, con 11 giornalisti, sono allocate risorse per 947 mila euro.
L’abbonamento alle agenzie di stampa, di cui usufruiscono i consiglieri e i gruppi consiliari, ha un costo di 711 mila euro mentre circa 70 mila euro sono spesi per pubblicazioni periodiche e iniziative editoriali. La Regione Lombardia ha speso quasi 2 milioni di euro, solo nel 2012, per informare i cittadini sull’attività del Consiglio regionale.
«Stiamo comunque approfondendo il bilancio voce per voce e, nel contempo, assumendo più informazioni sui regolamenti e sulle normative relativi a questi finanziamenti del consiglio regionale verso testate radio e tv. Stiamo parlando infatti di denaro pubblico e l’obiettivo è quello che se ne limiti al massimo la discrezionalità d’uso» dichiara Eugenio Casalino, consigliere regionale del M5S Lombardia e segretario dell’ufficio di Presidenza.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.