Lega, proposta su emergenza casa

La soluzione avanzata dal Carroccio in Regione prevede che Aler non costruisca più alloggi per i prossimi 5 anni, ma sostenga interventi su immobili invenduti.

Più informazioni su

(red.) E’ stato presentato nella giornata di lunedì 20 maggio in Consiglio regionale un progetto di legge della Lega Nord sul bisogno abitativo in Lombardia.
“La nostra proposta di legge”, ha spiegato il consigliere regionale e segretario provinciale del Carroccio Fabio Rolfi, “impone all’Aler di non costruire più nessun alloggio nei prossimi 5 anni ma di sostenere interventi di Edilizia pubblica unicamente per mezzo dell’acquisizione di nuove case rimaste invendute”. L’invenduto in Lombardia ammonta a circa 170 mila alloggi. “La normativa che abbiamo presentato oggi si propone di  raggiungere contemporaneamente 3 obiettivi: difendere il suolo da una ulteriore e inopportuna cementificazione, aiutare in modo non speculativo il comparto dell’edilizia e dare una risposta alla diffusa domanda di appartamenti per fini sociali. Si tratta quindi di una vera inversione di tendenza rispetto alle vecchie logiche di housing sociale. Passiamo da un modello basato sulla costruzione di nuovi edifici, e relativo consumo di territorio, a un modello non solo più rispettoso dell’ambiente ma che tiene conto dell’attuale situazione di crisi e in grado di venire incontro in tempi brevissimi alle esigenze delle giovani coppie o di anziani in difficoltà”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.