Quantcast

“Chi tiene i rimborsi è fuori dal Movimento”

Il leader dei grillini, Beppe Grillo, è tornato sulla questione diaria dei parlamentari. I capigruppi a Camera e Senato d'accordo: "Restituiremo il non rendicontato".

(red.) “Chi vuole tenersi i soldi se li terrà. Vuole fare carriera? Si mette fuori da solo”. Beppe Grillo ad Avellino ribadisce la sua linea. “Siamo stanchi di prendere botte”, ha detto, “ora faremo i dossier anche noi. Su giornalisti che fanno i talk show, su De Benedetti che monta casi: usiamo le stesse armi, basta prendere botte”.
Anche sul caso diaria “ci fanno la battaglia perchè in uno o due hanno protestato. Ma ci sono ragazzi bravissimi” tra i parlamentari, “e invece vanno a cercare chi ha detto non ce la faccio”.
“Quello che non viene speso verrà restituito”. Lo spiegano i capigruppo M5S di Senato e Camera, il bresciano Vito Crimi e Roberta Lombardi” al termine della riunione fiume dei parlamentari del M5S. Non c’è stato nessun voto in assemblea ma “siamo tutti d’accordo”. Per il resto si rendiconteranno le spese sostenute al buon senso delle persone.
Lo stesso Crimi, intervistato da Lucia Annunziata a ‘In 1/2’ ora aveva detto: “Guadagnavo 21mila euro l’anno, adesso arrivano in un mese”, spiegando: “Manteniamo l’impegno, io posso dire a nome dei 53 senatori che restituiremo la parte non spesa, su questo non c’è dubbio”.
Non nomina il premier Enrico Letta, Beppe Grillo, nel suo comizio ad Avellino, ma non gli risparmia una stoccata che comprende anche l’Esecutivo. “Sono lì da 20 anni, hanno fatto il ministro dell’Economia. Non possono dare soluzioni ai casini che hanno fatto loro”. “Se ci fanno chiudere”, aveva detto poco prima il leader del Movimento 5 Stelle, “se ne assumeranno la responsabilità. Spero si ritirino”.
“Hanno fatto copia-incolla del nostro programma per rubare un anno di tempo. Non è un programma, sono giaà in campagna elettorale. Usano i pulmini, non vogliono andare più in tv…chissà dove hanno preso queste idee”. Un passaggio del comizio di Beppe Grillo ad Avellino è legato all’iniziativa del governo di ‘fare spogliatoio’ a Spineto, nel senese.
“Abbiamo un presidente della Repubblica per 14 anni con tutti i poteri che ha. Adesso si è liberato il posto di Andreotti. Voglio sapere chi ci andrà. Li devono abolire i senatori a vita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.