Quantcast

Parlamento, M5S addio: contatti Pd-Monti

Bersani ha tentato un coinvolgimento del Movimento 5 Stelle nella partita delle presidenze di Camera e Senato, ma poi si è rivolto al professore.

(red.) Pier Luigi Bersani ha provato a tenere aperto fino all’ultimo il tentativo di un coinvolgimento del Movimento 5 Stelle nella partita delle presidenze di Camera e Senato. Uno schema traballante già da giorni e che con il passare delle ore, dicono fonti parlamentari del Pd, si conferma sempre più irrealizzabile. “Lo schema originario di Bersani è ormai acquisito che è fallito”, sostiene più di un parlamentare democratico.
E ora? Il nuovo schema possibile è quello di un’intesa con la coalizione montiana. Un’opzione su cui, in particolare, l’area franceschiniana premeva da giorni. Dario Franceschini già alla Direzione del Pd aveva sollecitato l’avvio di un dialogo con i montiani. Con il tramonto dello schema Pd-M5S, la carta Monti torna alla ribalta. I contatti sono in corso e non si esclude anche un contatto diretto tra Bersani e il Professore che “sarebbe disposto a prendere in considerazione la candidatura alla presidenza del Senato”, secondo quanto afferma il senatore di Scelta Civica Andrea Olivero. Ma solo, si è affrettato a spiegare Oliviero, “in presenza di una larga convergenza sul suo nome e se questa rientrasse nell’ambito di un accordo generale per le presidenze dei due rami del Parlamento”.
Un’intesa Pd-Monti ‘salverebbe’ l’ispirazione della corresponsabilità istituzionale perseguita da Bersani: Monti al Senato e Franceschini alla Camera. Ma c’è un problema che al momento non è stato superato: Monti, anche nei contatti avuti questa mattina, continua a chiedere che venga tenuto dentro anche il Pdl. Un coinvolgimento che per il Pd non è possibile accettare. “Mai e poi mai con il Pdl”, dicono fonti dem, “piuttosto facciamo saltare tutto”. Se dovesse fallire anche l’intesa con i montiani, dicono le stesse fonti, allora vorrebbe dire che “facciamo da soli”. Con il rischio che magari sullo scranno più alto del Senato vada un pidiellino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.