Quantcast

“Tricolore alle finestre per il 17 marzo”

La proposta arriva da Fratelli d'Italia che, in occasione della festa dell'Unità d'Italia, chiedono ai bresciani di esporre una bandiera per ogni casa.

(red.) Tricolori alla finestra dei bresciani per celebrare l’Unità d’Italia.
La proposta arriva dalla sezione di Brescia di Fratelli d’Italia, che,  per domenica 17 marzo, chiede a tutti i cittadini ad esporre il tricolore alla finestra delle proprie abitazioni. “In un momento di instabilità e crisi è giusto unirsi attorno alla nostra bandiera”, si legge in una nota, “ricordando con essa la nostra storia, al fine di creare quell’unione di intenti che sarebbe fondamentale per rilanciare il sistema Italia. La bandiera italiana non è solo un simbolo, ma rappresenta in sé l’idea di ciò che è significativo per noi: senso delle istituzioni e rispetto nel paese Italia, nato dal sacrificio di tante persone. Oggi, a distanza di 152 anni da quello storico giorno   quello storico giorno dobbiamo ritrovare lo slancio e l’amore di essere italiani, dobbiamo ritrovare l’orgoglio nella nostra bandiera e per farlo non dobbiamo dimenticare il difficile percorso che ha portato alla Repubblica Italiana, percorso che ha visto la nostra provincia vivere in prima persona alcune delle tappe fondamentali dell’unificazione”.
Per il nuovo movimento politico, nato pochi mesi fa da un’idea di Giorgia Meloni, Guido Crosetto e Ignazio La Russa questa ricorrenza non deve essere una semplice celebrazione della storia d’Italia ma deve divenire un’occasione per riflettere sulle nuove sfide che dobbiamo affrontare. “Il Tricolore deve ricordandoci il nostro passato, servire come guida nelle sfide sempre più difficili che ci attendono. Ed è proprio con questo spirito speranzoso per il futuro, ma saldamente ancorato a quella che è il nostro passato, che doverosamente celebriamo la data del 17 marzo come data che ha segnato la storia di tutti noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.