Quantcast

Del Bono: “Voto pulito: Ambrosoli in Regione”

Il candidato sindaco del Partito Democratico di Brescia: "Nel suo programma c'è attenzione per problematiche che riguardano molto da vicino la nostra città”.

(red.) “E’ ora di voltare pagina in Lombardia. E ora di lasciarsi alle spalle una stagione di illegalità e corruzione. E’ ora di rimuovere un sistema di potere che ha strangolato il territorio. E’ ora di un voto pulito. E’ ora di Umberto Ambrosoli presidente della Regione”.
Non ha dubbi Emilio Del Bono, candidato sindaco dei democratici, riguardo all’appuntamento elettorale di domenica e lunedì. Alle urne i bresciani avranno modo di dare il via a quel cambiamento che porterà una svolta anche a livello cittadino.
“Scegliere Umberto Ambrosoli è fondamentale perché nel suo programma c’è attenzione per problematiche che riguardano molto da vicino la nostra città”, continua Del Bono. “Finalmente troveremo una Regione pronta al dialogo, attenta alle esigenze degli abitanti e non all’interesse di chi governa”.
Qualche esempio? “La bonifica delle aree inquinate e una maggiore attenzione alla qualità dell’aria, dell’acqua e del suolo, con incentivi alla green economy; una politica della casa a favore dei cittadini, con una riforma dell’Aler e della legge regionale che regola l’edilizia residenziale pubblica”, spiega il candidato sindaco dei democratici.
Con la vittoria del centrosinistra ci sarebbe un’interessante novità anche per la metropolitana leggera: “La possibilità di ricontrattare il corrispettivo chilometro ferro”, spiega Del Bono. “E’ un punto su cui insisto molto e ho già ottenuto da Ambrosoli l’impegno a garantire i contributi affinchè il metrobus trovi l’equilibrio economico-finanziario necessario. L’attuale amministrazione di Brescia, tanto vicina a Formigoni, non è mai riuscita a farlo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.