Quantcast

Ospitaletto, vince Giovanni Battista Sarnico

Già eletto nel maggio 2011, il candidato del centrosinistra si riconferma primo cittadino. Bisinella: "Si chiude nel modo più giusto una vicenda paradossale".

(red.) I risultati delle urne incoronano Giovanni Battista Sarnico sindaco di Ospitaletto, importante comune del bresciano.
Con il 57,83% dei voti (3.633), il candidato del centrosinistra si conferma primo cittadino, dopo che già nel maggio del 2011 i cittadini si erano espressi in questa direzione. Il caso Forza Nuova e il ricorso del sindaco uscente Angela Giudici aveva poi portato al commissariamento del Comune e quindi alle elezioni del 28 e 29 ottobre.
La candidata del centrodestra Giudici si ferma al 40,67% dei voti; 1,5% le preferenze per il terzo candidato, Incontro, che però si era ritirato dalla competizione, indicando ai suoi elettori di votare per Giudici.
6.507 i cittadini che hanno votato, pari al 66,77% degli aventi diritto. “E’ la conferma”, ha commentato a caldo Sarnico, “di una vittoria ampia e chiara 15 mesi fa. I cittadini di Ospitaletto avevano chiesto un cambiamento allora e hanno riconfermato ora questa volontà”.
“Si chiude nel modo più giusto”, ha dichiarato Pietro Bisinella, segretario provinciale Pd, “una vicenda al limite del paradossale, fatta di palesi ingiustizie e di carte bollate che hanno impedito a Giovanni Battista Sarnico di governare per oltre 10 mesi e di fare il sindaco nonostante fosse stato legittimamente eletto nella scorsa tornata elettorale.
I cittadini hanno capito perfettamente l’ingiustizia e hanno ripristinato, attraverso il loro voto, la verità: Sarnico era il sindaco che gli abitanti di Ospitaletto avevano scelto ieri e hanno scelto anche oggi. Con queste votazioni non c’è spazio per ambiguità e giochi di prestigio, il Pdl accetti la sconfitta e si inizi a lavorare per il bene del paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.