Quantcast

Negozi sfitti, Bonardi: “Usiamo l’Imu”

La proposta arriva dal presidente della Circoscrizione Centro, per contrastare il problema della chiusura dei negozi di via San Faustino e Corso Mameli.

(red.) I negozi in centro storico chiudono? Investiamo le risorse dell’Imu.
La proposta arriva dal presidente della circoscrizione centro Flavio Bonardi. “In merito al problema di chiusura di negozi in alcune zone del centro storico”, si legge in una nota, “credo che l’unica possibile soluzione, sia quella di investire risorse dell’Amministrazione, magari recuperate dalla seconda rata dell’Imu, offrendo dei contributi a fondo perduto in conto capitale o in conto gestione, a giovani (o meno giovani) imprenditori che vogliano investire in Corso Mameli o Via San Faustino, aprendo un’attività commerciale in due zone difficili, ma estremamente interessanti”.
Quello dei negozi sfitti, secondo Bonardi, è un problema legato ai tempi difficili, che non si può risolvere  del tutto, ma “ritengo che almeno si potrebbe arginare il declino della zona in tal senso”. E lancia la sua proposta.
“Come Circoscrizione, siamo disponibili a censire tutte le vetrine chiuse delle due zone sopraccitate, contattando poi i vari proprietari e ragionando con loro su una diminuzione dei canoni di locazione.  Fatto questo si dovrà analizzare la presenza di attività commerciali mancanti in Corso Mameli e Via San Faustino, realizzando per fine anno un bando che consenta di aprire delle attività che realmente servano a rispondere alle esigenze dei cittadini che lì risiedono (panetteria, vetreria, fotografo, falegname,enoteca, sartoria)”.
Il bando potrebbe  essere scritto dal Tavolo del Distretto Urbano del Commercio, che raccoglie tutte le realtà associative dei commercianti e degli artigiani, e dovrebbe mettere a disposizione almeno 10.000 euro per attività, o in conto capitale o in conto gestione.
“Non si scopre niente di nuovo”, conclude Bonardi, “ovviamente, ma si può incidere come Amministrazione in modo diverso, se si va a mirare l’obiettivo, che e’ quello di contribuire alla rinascita del centro storico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.