Vivisezione: “Monti dica no all’Europa”

Lo chiedono i parlamentari dell'Idv alla vigilia del voto della Legge Comunitaria sui criteri e i vincoli di recepimento della direttiva Ue sulla sperimentazione animale.

(red.) ”L’Italia dica no alla vivisezione”. Lo chiedono gli Eurodeputati Idv Andrea Zanoni, Niccolò Rinaldi, Giommaria Uggias e Gianni Vattimo con una lettera indirizzata al presidente del Senato Renato Schifani, al premier Mario Monti, e al presidente della Camera Gianfranco Fini alla vigilia del voto dell’art. 14 della Legge Comunitaria 2011 riguardo i criteri e i vincoli di recepimento della direttiva UE sulla sperimentazione animale.
”L’Italia ha l’occasione”, si legge nella lettera, “di rimediare agli errori commessi in sede europea e di interpretare il sentimento della stragrande maggioranza degli italiani. La Direttiva Ue 2010/63, osteggiata in sede di votazione al Parlamento Europeo dai deputati IdV, fissa le regole per la sperimentazione animale ma non la vieta. ”Riteniamo che vi siano concreti margini per migliorare questo testo e inserire importanti restrizioni al recepimento della direttiva”, scrivono gli Eurodeputati Idv, “quali il divieto di allevamento, esportazione, movimentazione, detenzione, commercio e vendita di animali in via di estinzione, primati non umani, cani e gatti destinati alla sperimentazione e l’obbligo di ricorrere a metodi o strategie di sperimentazione che non comportino l’uso di animali. L’effetto immediato sarebbe la chiusura del canile lager di Green Hill di Montichiari (Brescia)”.
”La direttiva Ue”, spiegano i deputati, “fissa degli standard ma ogni Stato membro può andare ben oltre Per questo chiediamo all’Italia di inserire nel testo di legge tutta una serie di provvedimenti che vadano nella direzione del superamento di questa barbara e desueta pratica e dello sviluppo di metodi alternativi che non prevedano il sacrificio di poveri animali. L’Italia oggi ha l’occasione di lanciare all’Europa una sfida etica e di civiltà. E’ un’occasione importante che abbiamo il dovere di non sprecare”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.