Sviluppo, Cesa: “Si passa a fase di crescita”

Così il segretario dell'Udca margine dell'assemblea dei dirigenti e degli amministratori del partito in corso a Sirmione. "Elezioni, serve ripristino preferenze".

Più informazioni su

(red.) Il dl sviluppo è un provvedimento ”necessario”, perchè ora ”si passa da una fase di rigore ad una fase di crescita”. Lo ha detto il segretario dell’Udc, Lorenzo Cesa, a margine dell’assemblea dei dirigenti e degli amministratori del partito in corso a Sirmione (Brescia).
‘Gli ottanta miliardi da immettere nell’economia sono cose concrete”, ha sottolineato, “che servono per far ripartire il nostro paese’.
“Ci auguriamo che in Grecia da lunedì ci sia stabilità politica e che l’Europa non arrivi sempre il giorno dopo e con un euro in meno”, ha aggiunto Cesa a margine dell’assemblea del partito a Sirmione, parlando della crisi dell’Eurozona e dell’elezioni in Grecia. ”Più che di eurobond parlerei di cose fattibili come i project bond”, ha proseguito, “e di far uscire dal patto di stabilità gli investimenti per far ripartire il paese e di togliere il debito dal patto di stabilità”. ”Ci saranno decisioni nette durante il G20 e l’Italia si presenterà con le carte in regola”. ”Monti può andare a testa alta”, ha aggiunto, “perché ha fatto tutto il possibile per salvare il Paese”.
”Il cittadino deve scegliere direttamente il proprio parlamentare e per farlo il meccanismo è uno solo: il ripristino delle preferenze”. ”Di presidenzialismo o semipresidenzialismo possiamo discutere”, ha sottolineato l’esponente Udc riferendosi alla proposta di riforma del sistema elettorale avanzata dal Pdl, “perchè tutto quello che può essere utile ad ammodernare le istituzioni non ci spaventa. Si deve avviare però una discussione seria”, ha aggiunto, “e un dibattito ampio e approfondito dentro e fuori dal Parlamento”. Secondo Cesa, ”se il presidenzialismo è un escamotage per non fare niente, allora non siamo interessati”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.