Quantcast

“Saccheggio della fauna selvatica”: Lac abbandona l’Osservatorio Regionale

L'associazione rinuncia all'incarico a causa delle scelte del Pirellone, "prese sempre decisioni in linea con le lobby venatorie".

(red.) La Lac ha deciso di ritirare la propria adesione alla rappresentanza ambientalista all’interno dell’Osservatorio Faunistico Regionale. 
“Avevamo deciso di aderire alla proposta della Regione Lombardia con un atteggiamento collaborativo e di apertura”, si legge nel comunicato stampa dell’associazione, “immaginando di poter offrire un contributo fattivo a una gestione della fauna selvatica ampiamente migliorabile. L’Osservatorio Faunistico Regionale è una struttura tecnica prevista dalla legge quadro nazionale 157/92, ma purtroppo c’è voluto poco perché ci si rendesse conto che questo Osservatorio non è altro che una foglia di fico dietro la quale nascondere le solite, decennali politiche di rapina ai danni della fauna selvatica, e in particolare degli uccelli migratori: il 90% degli argomenti finora trattati hanno riguardato l’attività venatoria o comunque forme di prelievo della fauna dall’ambiente in deroga ai divieti generali.
La Regione sta semplicemente cercando di dare una dignità scientifica inesistente al saccheggio della fauna, e la prova concreta la si è avuta già agli esordi, hanno trattato scelte già prese ai tavoli delle associazioni venatorie, le solite proposte cui il Pirellone ci ha abituati: riapertura degli impianti di cattura dei richiami vivi; caccia in deroga dei fringillidi e di altre specie protette”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, però, è stata la delibera della Regione (n° XI/4370 del 03/03/2021), che avrebbe dovuto recepire una recente sentenza del Tar Lombardia. “A seguito di un ricorso della LAC, in prima fila da vent’anni in questa battaglia, il Tar ha imposto alla Regione di individuare entro 90 giorni tutti i valichi interessati dai flussi migratori in cui interdire qualsiasi forma di caccia. La legge 157/92 impone che la Regione Lombardia istituisca tutti i valichi e dal 1992 ad oggi, nulla è stato fatto per previlegiare la lobby venatoria. Esiste un’ampia serie di studi ornitologici autorevoli, documenti, esperienze pratiche su questi siti, che naturalmente Milano ha ignorato, accogliendo invece la falsa affermazione dell’Osservatorio, sulla presunta assenza di dati scientifici, rinviando ogni altra decisione a studi che nessuno farà mai. Ancora migliaia di euro dei contribuenti lombardi inutilmente sperperati dalla Regione Lombardia in spese legali per difendere atti amministrativi illegittimi di “calibro 12” ai tempi del Covid, un’altra mancanza di rispetto delle norme, delle istituzioni e delle sentenze”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.