Niente dibattito sui vaccini, “Pd e M5S in campagna elettorale a spese di Desenzano”

(red.) Prosegue il duello politico tra Rino Polloni, presidente del consiglio comunale di Desenzano del Garda, e i consiglieri comunali di Pd e Movimento 5 Stelle. I due partiti di opposizione, nei giorni scorsi, avevano chiesto la convocazione di un consiglio comunale che avesse come tema la campagna vaccinale anti-covid. Polloni, però, non aveva accolto la richiesta.

 

Dopo le polemiche feroci, il presidente del consiglio ha voluto rispondere alla minoranza: “Manca ancora un anno alle elezioni amministrative della Città di Desenzano del Garda (Brescia), ma la campagna elettorale del Partito Democratico e del M5S è iniziata. I Consiglieri di opposizione non perdono occasione per criticare l’operato dell’amministrazione di centrodestra, al servizio della città dal 2017, senza nemmeno verificare i termini della questione. E’ di questi giorni l’attacco, quanto meno irrazionale, dei Consiglieri del PD, M5S, lista Righetti per Desenzano e Desenzano Popolare al mia presidenza consiliare. L’unica colpa che ho è quella di aver applicato alla lettera il Regolamento per il Funzionamento del Consiglio Comunale. Non ho quindi accolto la richiesta “Discussione su tematiche legate alla futura campagna vaccinale”, semplicemente perché le discussioni non sono di competenza del Consiglio Comunale, tanto meno in materia di vaccinazione, sulla quale i soggetti coinvolti sono Regione e ATS”.

“Contro ogni principio di realtà e verità”, ha spiegato Rino Polloni, “subito sono partite accuse e rivendicazioni, riportate poi dagli organi di stampa. Si consideri inoltre che da quando è on line, il Consiglio costa una media di € 1.000 a seduta alla Comunità, pertanto una convocazione arbitraria per una finalità impropria da parte del Presidente, sarebbe stata decisamente inopportuna.
I punti da discutere nel prossimo Consiglio saranno già numerosi – ben 18- e ogni seduta di Consiglio Online implica una spesa non indifferente per i Cittadini: €.750 per la società che gestisce il sistema tecnologico, i gettoni presenza per ogni singolo Consigliere, i dipendenti pubblici che, in presenza, garantiscono lo svolgimento della seduta oltre alle spese di luce, riscaldamento, etc. Una media di circa 1.000 euro ad ogni riunione. Che la discussione sulla vaccinazione sia fatta con lo strumento idoneo: un’ assemblea pubblica da tenere in una sala che il Sindaco potrà concedere e alla quale possano partecipare le competenti autorità sanitarie locali”.

 

“Ho fatto una scelta in scienza e coscienza” ha specificato Polloni, “assumendomi una responsabilità che viene dallo stesso Regolamento approvato proprio dalla precedente amministrazione comunale a guida Pd. Infatti, esso pone esattamente in capo al Presidente del Consiglio Comunale la decisione dei punti da discutere e votare in ogni Consiglio Comunale, oltre alla data e l’ora di convocazione.”
E’ più che evidente, secondo la maggioranza, che non si tratta di avere il giusto riguardo per la Campagna Vaccinale, ma di tentata Campagna elettorale da parte di PD e 5Stelle sfruttando il tema delicato dei vaccini. “E io non ho ritenuto opportuno – conclude Polloni – che i partiti si facciano pubblicità a spese dei Cittadini desenzanesi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.