Quantcast

Desenzano, parla Rino Polloni: “Denuncio chi mi dà del no vax”

“Denuncerò per diffamazione chiunque si permetta di darmi del ‘no vax'”. Il presidente del Consiglio Comunale di Desenzano del Garda (Bs) Rino Polloni risponde così alle accuse mediatiche e alle polemiche del PD a seguito delle sue affermazioni sui vaccini, martedì 29 Dicembre scorso, quando in Consiglio Comunale, ha ricordato che possono sempre comportare effetti collaterali e che del nuovo vaccino anti Covid non si conoscono ancora abbastanza rischi e benefici, annunciando per questo che non si vaccinerà.

Scende in campo a fianco di Polloni, Nadia Gatti, Presidente del CONDAV- Coordinamento Nazionale Danneggiati da vaccino, una delle più accreditate associazioni di queste realtà, che definisce le accuse “pretestuose, assurde, indegne e spropositate”. “Rino Polloni – spiega la Gatti, con una figlia che ha subito danni permanenti – ha semplicemente asserito quello che anche le case farmaceutiche e la legge riconoscono, ovvero che tutti i vaccini possono causare effetti collaterali, in alcuni casi anche di grave entità e, per questo motivo, lui ha affermato che non si farà inoculare il vaccino anti Covid. Inoltre, ha parlato riferendosi a se stesso e non sconsigliando ad altri di vaccinarsi… Il suo discorso e le sue affermazioni sono senz’altro frutto di esperienze personali, considerato che ad oggi sono centinaia i danneggiati da vaccino riconosciuti; mentre del nuovo vaccino anti Covid 19, appena messo in commercio, ancora non si conoscono gli effetti avversi né a breve, né a medio né tanto meno a lungo termine. Pertanto, l’attacco a Rino in Consiglio Comunale ripreso dai media, è una presa di posizione personale, immotivata, contraria perfino all’art.21 della Costituzione che sancisce “la libertà di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. La testimonianza di Polloni, che oltre a essere Presidente del Consiglio Comunale della sua città, ha pure un ruolo tecnico in ambito sanitario, è invece tanto più preziosa perché su certi temi non si devono assumere posizioni ideologiche, ma occorre informare quanto più puntualmente la popolazione”.

 

Il CONDAV – Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino, è un’associazione di volontariato nata nel 2001, rappresenta 250 fra danneggiati e famiglie di persone danneggiate da vaccino (già riconosciute) in tutta Italia, più un centinaio di persone fra danneggiati fuori termine, danneggiati in attesa di riconoscimento e simpatizzanti, sempre a livello nazionale. Inoltre racchiude al suo interno, essendo un Coordinamento, anche un’altra associazione con cui collabora attivamente, ovvero RAV – Reazioni Avverse Vaccini, un comitato costituito da mamme e giovani compromesse dalla vaccinazione contro il papilloma virus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.