Quantcast

Multe migranti, anche due comuni bresciani

Capriano del Colle e Castelcovati chiedono a chi ospita richiedenti asilo di comunicarlo e dare relazioni. Altrimenti si rischia di essere sanzionati.

(red.) Gli ultimi aggiornamenti sul fatto che in Valtrompia, nel bresciano, arriveranno 300 migranti entro il 2018 dopo una convenzione tra la prefettura e la Comunità montana, hanno ridestato l’attenzione sul tema dei migranti che resta sempre attuale. E lo diventa ancora di più nel momento in cui i Comuni lombardi amministrati dalla Lega Nord hanno deciso di multare chi decide di accogliere di nascosto i richiedenti asilo.

Secondo quanto riporta Il Giorno, i paesi bresciani di Capriano del Colle e Castelcovati si sono accodati nell’emettere delle ordinanze sindacali apposite. Nei testi si legge che i Comuni non possono opporsi ai contratti tra prefettura e realtà private per accogliere gli stranieri, ma sono autorizzati a intervenire per prevenire le emergenze e conoscere ogni dettaglio di cosa succede sul proprio territorio.

Di conseguenza, i due Comuni bresciani chiedono a chiunque ospita i richiedenti asilo di comunicarlo e di fornire relazioni dettagliate sulla conformità degli stabili, numero degli stranieri presenti e provenienza. E chi non le rispetta? Castelcovati è pronto a rifilare multe fino a 5 mila euro, mentre Capriano intende denunciare le eventuali situazioni alle autorità giudiziarie. Ma la Cgil di Brescia, la Fondazione Piccini e l’Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione hanno annunciato ricorso contro le ordinanze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.