Quantcast

Pendolari, Parolini: “Trenitalia verso accordo”

Annuncio dell'assessore lombardo sulla vicenda dei treni dal 2017, quando ci saranno solo i Frecciarossa o i regionali. Via libera a mozione al Pirellone.

(red.) Forse ci si sta avvicinando a una svolta nella vicenda dei treni sulla linea Milano-Brescia dopo che ai pendolari possessori degli abbonamenti “Carta Plus” e “Io Viaggio Ovunque in Lombardia” viene concesso di salire sui Frecciarossa, ma solo fino al 31 dicembre. Questo, a fronte della progressiva estinzione dei Frecciabianca a favore dei mezzi più veloci, ma anche più costosi. “I vertici di Trenitalia mi hanno confermato proprio in queste ore la loro disponibilità a rinnovare l’accordo e a considerare le richieste della Regione Lombardia per chiudere quanto prima la questione – annuncia l’assessore allo Sviluppo Economico del Pirellone Mauro Parolini.

La serrata interlocuzione che con il collega titolare dei Trasporti, Alessandro Sorte, stiamo portando avanti con l’azienda va quindi nella direzione auspicata, cioè quella di arrivare a una soluzione sostenibile per i pendolari in termini di costi e di qualità del servizio offerto. Dopo aver condiviso la protesta pacifica dei pendolari bresciani, oggi riaffermiamo la necessità di trovare una soluzione definitiva, che tenga conto delle necessità dei pendolari lombardi e dalla dimensione urbana rappresentata da quella città lineare  che attraversa la Lombardia e corre da Milano fino ai confini con il Veneto.

Proprio per questa peculiarità unica – conclude l’assessore – è necessario che i treni veloci di Trenitalia svolgano, nel rispetto delle competenze e delle procedure, anche un ruolo di trasporto pubblico, integrato e flessibile ed è a questo che vogliamo lavorare, coinvolgendo Trenord, per offrire un servizio all’altezza delle aspettative di migliaia di cittadini e lavoratori che lo utilizzano”. Dall’altra parte, poche ore prima, l’assessore Sorte aveva detto che “a fine ottobre Trenitalia ci ha informato che non intendeva più procedere all’accordo per l’utilizzo di Carta plus sui Frecciarossa Milano-Brescia per proporre invece un abbonamento per i pendolari.

Ad oggi, però, nonostante le ripetute richieste che ho avanzato all’amministratore delegato, Barbara Morgante, il nuovo abbonamento non è ancora stato definito nel prezzo e nei costi. Ci stavamo lavorando, ma a metà ottobre Trenitalia ha inspiegabilmente cambiato idea. Rimane che è assurdo che oggi i pendolari ancora non sappiano cosa succederà dal prossimo 1 dicembre”. Tra l’altro martedì 22 novembre il consiglio regionale lombardo, con l’esclusione del Movimento 5 Stelle astenuto, ha votato a favore della mozione bipartisan per indurre la giunta a continuare la collaborazione con Trenitalia per risolvere il problema.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.