Rifiuti, “dal 2017 la tariffa puntuale”

Così il sindaco Del Bono risponde a Confesercenti che aveva contestato l'importo della Tari "tra i più alti in provincia" sui negozianti della città.

Più informazioni su

(red.) Dal 2017 a Brescia dovrebbe arrivare la cosiddetta “tariffa puntuale” sui rifiuti, ovvero l’importo da pagare sulla base di quanto viene effettivamente gettato nei cassonetti della spazzatura. O comunque una rivisitazione. Lo ha annunciato mercoledì 25 maggio il sindaco Emilio Del Bono che, con gli assessori Panteghini (Bilancio) e Fondra (Ambiente), ha voluto rispondere a Confesercenti. Facendo un passo indietro, il direttore dell’ente di Lombardia Orientale Alessio Merigo aveva contestato palazzo Loggia per aver imposto la Tari a 1.700 tra ristoranti, titolari di ortofrutta, pescherie e altri negozi con un importo tra i più alti in provincia. Tanto da lanciare l’iniziativa di protesta “Per non morire di Tari” che si terrà il 6 giugno in corso Zanardelli.
In quell’occasione i commercianti potranno restituire in modo simbolico al comune le chiavi del proprio negozio. Ma la replica del primo cittadino non si è fatta attendere. “La posizione di Confesercenti è politica e non sindacale – ha detto – visto che questo regolamento a capo della tariffa sui rifiuti è attiva da anni e non è mai stata contestata”. Del Bono ammette che quest’anno, dopo due anni di riduzioni, la tariffa è tornata ad aumentare per l’arrivo del nuovo sistema misto. E aggiunge che nel 2017, quando ci saranno i primi dati ufficiali sulla raccolta tra calotte e differenziata porta a porta, si valuterà di cambiare il regolamento sull’imposta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.