Quantcast

Aci Brescia, Camozzi sul piede di guerra

Dopo la sentenza del Tribunale di Brescia che ha destituito il presidente eletto a maggio, nuova bagarre per l'elezione di Piergiorgio Vittorini.

Più informazioni su

acibrescia2(red.) Non c’è pace in seno all’Aci Brescia. Dopo la sentenza del Tribunale di Brescia che ha ribaltato l’esito delle elezioni del maggio scorso, con accoglimento del ricorso presentato dagli “sconfitti” Roberto Gaburri, Roberto Onofri e Piergiorgio Vittorini, in risposta a quello proposto dall’eletto presidente Attilio Camozzi  e che ha riportato alla presidenza Gaburri, ora si accende una nuova polemica.
Piergiorgio Vittorini, infatti, che era fra i ricorrenti, è stato scelto come il numero uno di via Ferrari. Venerdì 13 febbraio, nel corso della seduta di Consiglio di Ac Brescia (convocata prima dell’esito della sentenza), Attilio Camozzi, che aveva, da presidente, convocato la seduta, ha denunciato “forzature” nelle decisioni assunte dall’assemblea. Le parole di Camozzi sono riportate in un comunicato nel quale viene spiegato che “io e gli altri componenti del Consiglio Direttivo siamo stati oggetto di un attacco da parte dei ricorrenti che hanno preteso l’esecuzione immediata della sentenza”. “Sotto il peso delle continue accuse- afferma Camozzi- il consigliere Bruno Ferrari ha abbandonato la seduta  per gravi motivi personali. Subito dopo tale uscita, il consigliere Vittorini ha agevolato l’introduzione del consigliere Gaburri chiedendo di mettere ai voti tale cambiamento dell’ordine del giorno e ottenendo di procedere alla votazione sia del presidente sia del vice-presidente”.
Quindi, con tre voti favorevoli e due contrari Vittorini è diventato il nuovo presidente dell’ente.
Camozzi però ha dichiarato di non avere mai “rassegnato le dimissioni”, annunciando un nuovo ricorso.
“I consiglieri- è la replica di Aci- hanno dato corso all’elezione del presidente e del vice presidente dell’Automobile Club di Brescia; sono risultati eletti l’avv. Piergiorgio Vittorini, presidente, e Roberto Onofri, vice presidente”. Ma la telenovela Aci non pare essere giunta alla puntata conclusiva.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.