Quantcast

I genitori di Chiari: “Giù le mani dal Turla”

Affisso davanti alle elementari di via Maffoni uno striscione che sintetizza il malcontento per il progetto dicostruzione del nuovo istituto scolastico.

(red.) Troppo distante dal centro, collocato su una strada pericolosa, inadeguato dal punto di vista di laboratori e spazi comuni e al momento sprovvisto di spazi per la palestra e la mensa.
Queste le principali perplessità dei genitori, emerse martedì 14 maggio, durante un incontro promosso dal Consiglio d’istituto della scuola elementare Turla di via Maffoni, a Chiari (Brescia), riguardo al nuovo plesso che l’istituto Morcelliano vorrebbe realizzare in via Roccafranca. Il progetto del nuovo istituto, realizzato dall’architetto Nicola Cantarelli, è stato presentato all’assemblea dal presidente del Consiglio, Pietro Vavassori.
L’edificio che la Fondazione guidata da Alberto Boscaglia, in accordo con l’Amministrazione della cittadina bresciana, vorrebbe realizzare, potrebbe sostituire completamente la struttura del Turla, che verrebbe quindi  dismessa. In cambio, verrebbe dato il via libera alla costruzione del discusso campo da golf del Santellone.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.