“Metrò e autobus, gioiello e pattumiera”

Il Movimento per la partecipazione cittadine cittadini lamenta bus sporchi, in ritardo e disservizi. "Brescia Trasporti sta affossando il servizio pubblico".

(red.) Se il metrò è un “gioiellino”, pulito, tirato a lucido (anche perchè appena inaugurato), i passeggeri degli autobus non possono dire la stessa cosa dei mezzi utilizzati.
Francesco Catalano, del Movimento per la partecipazione cittadine cittadini, ha raccolto alcune segnalazioni e riferisce che “gli autobus sono sporchi, in modo particolare quelli della linea 13 e 7, (linee dove il biglietto si paga a Brescia Trasporti, i controllori sono di Brescia Trasporti accompagnati dai vigili pagati dal comune di Brescia), senza riscaldamento, non rispettano gli orari, il sistema di segnalazione dei minuti di attesa alle fermate non è mai stato messo in funzione, autobus impossibili da usare in coincidenza con la metropolitana con attese di mezz’ora (e la domenica di un’ ora!)”.
“La Giunta comunale di Brescia”, lamenta il Movimento, “ha aumentato il prezzo del biglietto, diminuito il numero delle corse, tolto il servizio serale e, come si vede dalle foto, facendo viaggiare nell’immondizia”. “L’amministrazione comunale”, attacca Catalano, “non ha preso in considerazione le oltre duemila firme raccolte in 15 giorni da diversi gruppi nel maggio 2012. Nonostante le segnalazioni a Brescia Trasporti la situazione non solo non è migliorata, ma peggiorata”.
Secondo il Movimento per la partecipazione cittadine cittadini, “i dirigenti di Brescia Trasporti, di pura nomina politica, non hanno la minima idea di cosa vuole dire gestire un servizio di trasporto pubblico, stanno tentando di affossare il trasporto pubblico e hanno truffato gli utilizzatori con il sistema degli abbonamenti con scadenza all’inizio del mese, senza fare alcuna integrazione tariffaria con gli altri mezzi. Le scelte della Giunta comunale”, conclude la nota, ”favoriscono l’utilizzo delle automobili con il conseguente mantenimento dell’inaccettabile condizione di inquinamento dell’aria a Brescia, che causa gravi malattie negli abitanti della città”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.