Quantcast

Diritti per tutti: “Tutelata anche la signora”

L'associazione risponde a Forza Nuova che l'aveva accusata di aver messo in difficoltà un'anziana con figlio disabile per una casa a una famiglia di stranieri morosa.

(red.) “La mediazione svolta dall’Associazione Diritti per tutti ha permesso di tutelare gli interessi sia della proprietà che della famiglia sotto sfratto”. Così l’associazione Diritti per tutti risponde a Forza Nuova che l’aveva accusata di aver messo in difficoltà un’anziana con figlio disabile per garantire una casa a una famiglia di stranieri morosa.
“L’esecuzione”, si legge in una nota, “è stata rinviata per un breve periodo cioè al 30 novembre per permettere all’inquilino di trovare un nuovo appartamento dato che ha ripreso il lavoro ed ora può pagare regolarmente un canone di affitto. Questo nostro operato è stato riconosciuto dalla proprietaria, dal figlio e dal nipote, tanto che la signora (che tra l’altro appartiene ad una famiglia di Borgosatollo dalla lunga tradizione antifascista) ha invitato un rappresentante dell’associazione a casa sua per bere una bottiglia di vino di loro produzione come gesto di ringraziamento”.
Insomma, per l’associaizone le parole di Fn sono solo strumentali: “Non c’è bisogno quindi di ulteriori commenti verso chi cerca di alimentari pericolose guerre tra poveri invece di trovare soluzioni ai problemi derivanti dalla crisi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.