Quantcast

Vilardi chiude con il Comitato Antinocività

L'assessore all'ambiente replica alle accuse di insensibilità e imprecisione mosse dagli ambientalisti su via Brocchi. "Non sono più interlocutori credibili"

(red.) “Il comunicato stampa diffuso dal Comitato spontaneo contro le nocività è il manifesto della loro onestà intellettuale, la dimostrazione di come siano disposti a fare propaganda elettorale anche su questioni così delicate e importanti”.
L’assessore all’Ambiente del Comune di Brescia Paola Vilardi ha commentato così le accuse rivolte dai rappresentanti del comitato. “Credo che questo documento sancisca definitivamente la chiusura di qualsiasi possibilità di dialogo con questo comitato, che di spontaneo e apolitico ha davvero poco. Sono anni che sopportiamo le loro provocazioni e i loro allarmismi. Se mi reputano insensibile e indifferente alle tematiche ambientali devono anche avere il coraggio di dire che l’amministrazione comunale si confronta con loro dal 2009, cercando il dialogo su qualsiasi questione e non solo sulla discarica di via Brocchi. Si può non essere d’accordo sull’operato di un amministratore, ma non è ammissibile che si ricorra a offese personali e a mancanze di rispetto nei confronti delle istituzioni”.
Sui dettagli tecnici, Vilardi conferma quanto detto durante la seduta del Consiglio Comunale di lunedì 22 ottobre. “Non avrei voluto rispondere a queste ulteriori provocazioni per non dare troppa importanza alle persone che le hanno formulate, ma davvero non sopporto che si faccia campagna elettorale sulle paure dei cittadini e che mi si accusi di essere insensibile e bugiarda. A proposito di sensibilità, ricordo che il 30 maggio mi trovavo sotto i ferri a lottare contro la malattia, ma evidentemente loro preferiscono evitare di ricordare questo dettaglio pur di ottenere un po’ di visibilità, che dimostrano in ogni occasione di apprezzare parecchio”.
Per Vilardi, il Comitato non è più un interlocutore serio ed affidabile. “Contestualmente”; ha concluso, “confermo l’appuntamento con l’operatore per lunedì 5 novembre. La politica si fa prima con i fatti e poi con le parole. Se i signori vogliono fare propaganda, è bene che imparino questa regola”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.