Quantcast

“Nuova sede dei vigili? Spreco di soldi pubblici”

Per Cesare Giovanardi l'immobile, la cui inaugurazione è prevista per martedì, è costato il 33% in più del reale prezzo di mercato. "Un altro caso ex Oviesse".

(red.) Martedì 17 aprile alle 17 viene inaugurata ufficialmente la nuova sede della Polizia Locale di Brescia, in via San Faustino 3.
“L’inaugurazione di uno spreco di denaro pubblico”, tuonano gli oppositori del progetto, Giovanardi, Nava, Cosentini, Cinquepalmi, da sempre critici sul valore dell’immobile acquisito da Brixia Sviluppo, controllata del comune di Brescia e presieduta dall’architetto Riccardo Franceschi (in quota Lega) già coinvolto in una lunga querelle per la vendita dell’Ex Oviesse in corso Mameli e al cento di un altro presunto caso di appalti “scippati” per il Pgt, secondo quanto riporta il quotidiano Libero.
Secondo quanto riferisce l’ex candidato sindaco, lo stesso Franceschi, interpellato sull’operazione immobiliare, “dichiarava alla stampa in data 10 novembre 2011 che “C’è stata la stima di un soggetto terzo: Pro Brixia di Camera di Commercio Brescia. E siamo in linea con le quotazioni di mercato : 1.710.026 di euro per 526 mq, paria a 3.251 al mq”.
“Peccato però”, aggiunge Giovanardi, “che, leggendo le quotazioni di Pro Brixia Camera di Commercio del 2° semestre 2010, in Via San Faustino per il nuovo ed il ristrutturato la cifra massima è di  2.450 euro al mq, la minima di 1.950 e la media (somma di minimo e massimo) di 2.200. Il presidente Franceschi si è quindi sbagliato di un 33% in più con una spesa eccedente il massimo di 421.326 euro (circa 800 milioni delle vecchie lire). “Ingiustificabili”, secondo il battagliero ex candidato sindaco. “Un ennesimo “incidente” dopo l’acquisto dell’ex Oviesse e della Sede della Circoscrizione Est che poteva essere la spiegazione al perchè il 24 dicembre 2011 il Sindaco Paroli scioglieva, dopo solo tre anni di vita, la società Brixia Sviluppo Spa e mandava a casa tutti gli amministratori (il presidente Franceschi in quota Lega Nord, il vice Bruni Conter in quota Pdl, i membri De Vito in quota Udc, Damiani in quota Pdl, Guindani in quota Lista Castelletti per le minoranze) e tutti i revisori dei conti”, aggiunge Giovanardi che aggiunge.
“Speravamo quindi in un ravvedimento e in azioni per recuperare il danno erariale alle casse comunali e quindi alle tasche dei cittadini e invece siamo tutti invitati alla  inaugurazione di uno spreco di denaro pubblico”.
“Dopo le scandalose vicende dell’acquisto dell’ex Oviesse”, attacca ancora Giovanardi, “per 8.770.000 euro dove il perito incaricato dall’acquirente Comune di Brescia ha letto male il bollettino di Pro Brixia Camera di Commercio e sbagliato la zona B4 con la zona B1 dell’Agenzia del Territorio di Brescia e dell’acquisto della Sede della Circoscrizione Est in SanPolino per 4.700.000 dove non risulta esserci perizia, questa volta bisogna ammettere che si sono rivolti a periti che usano carta intestata di Pro Brixia Camera di Commercio”.
“Il risultato finale”, aggiunge, “è che nella perizia del 16 marzo 2011 (in possesso dei consiglieri comunali che hanno chiesto l’accesso agli atti) l’immobile di Via San Faustino 3 allo stato attuale ,con superficie commerciale di mq 512, vale 845.707 euro pari a 1.650 al mq (oltre il massimo dell’agibile e verso il minimo del recente nella tabella sopra riportata di ProBrixia)). Quindi non esiste confusione e sia il sottoscritto sia i periti incaricati si sono avvalsi delle quotazioni di Pro Brixia”.
“La matematica è un’ opinione?”, si chiede Giovanardi. “E’ successo che, piuttosto di acquisire l’immobile nello stato attuale ad  1.650 euro al mq prezzo indicato dai periti scelti da ProBrixia come soggetto indipendente e quindi accettato anche dal venditore e poi sistemarlo al meglio, Brixia Sviluppo ha chiesto al venditore di consegnare l’immobile finito pagando alla fine più del doppio e cioè 1.710.026 euro che corrisponde a 3.251euro  al mq mentre il massimo delle quotazioni ProBrixia per il nuovo/ristrutturato è di 2.450 al mq che x 526 mq porta ad un totale di 1.288.700, ovvero, 421.326 in più”.
Giovanardi sottolinea anche che “l’immobile sito in Via San Faustino 3 nella zonizzazione della Agenzia del Territorio di Brescia del Ministero delle Finanze risulta in zona B4 (come l’ex Oviesse)  e che nelle Quotazioni immobiliari per il 1° semestre 2011 i valori massimi per il commerciale/terziario sono di  2.000 euro/mq”.
“Quindi”, conclude l’ex candidato sindaco, “il valore massimo dell’immobile sito in Via San Faustino 3, con sistemazioni e finiture incluse, alla Agenzia del Territorio di Brescia risulta essere pari a  2.000 euro x 526 mq, precisamente 1.052.000 euro, cifra molto inferiore al prezzo pagato di1.710.026”.
“Il valore massimo per l’affitto dell’Agenzia del Territorio di Brescia, 1° semestre 2011, che è di €. 9/mensile x mq 450 netti, cioè 4.050 euro al mese, che il Comune di Brescia dovrà pagare a Brixia Sviluppo Spa divenuta proprietaria dell’immobile utilizzando, ovviamente i soldi del Comune di Brescia,cioè ancora i soldi di tutti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.