Quantcast

Don Baresi: ricorso accolto in parte

Più informazioni su

    preti.jpgLa Cassazione ha deciso che sarà riprocessato per i fatti successivi al 2004.


    pretimaxi.jpg
    (red.) Don Baresi sarà processato di nuovo. La corte di Cassazione ha parzialmente accolto il ricorso presentato dalla difesa dell'ex vice rettore del seminario di Brescia, condannato in appello a 7 anni e 6 mesi di carcere per violenza sessuale su un minore e detenzione di materiale pedopornografico.
    E' stata annulla infatti la sentenza e disposto un nuovo processo relativamente agli episodi contestati di violenza sessuale, che si sarebbero verificati dopo il 2004. Il ricorso in cassazione è invece stato completamente rigettato con riferimento agli episodi precedenti a quell'anno e al reato di detenzione di materiale pedopornografico. Don Baresi è attualmente ai domiciliari, da tre anni e sette mesi in un istituto religioso delle Suore operaie, dove continua a celebrare la messa, avvertito della decisione della Cassazione, si è detto sereno.
    "Prendiamo atto della notizia dell’annullamento con rinvio della sentenza della corte d’Appello", ha fatto sapere la curia di Brescia. "Mentre ribadiamo che il dramma di chi è vittima di abusi non può essere mai sottovalutato e tanto meno eluso, auspichiamo che l’approfondimento che ne seguirà in un nuovo processo d’appello serva a fare ulteriore chiarezza".
    E ancora: "La notizia della conferma della sentenza per i fatti precedenti al 2004 ci addolora profondamente. I sentimenti di questo momento spingono la Chiesa da un lato a chiedere perdono di tutto ciò che di male può essere stato commesso colpevolmente nei confronti di coloro che sono stati toccati da questa vicenda. Dall’altro ci sentiamo di rinnovare la fiducia in chi con impegno costante e vigile ha sempre operato per il bene delle giovani generazioni anche a costo di gravi incomprensioni".

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.