Quantcast

Sorelli: tutti assolti anche in appello

Più informazioni su

Ecco la sentenza: non colpevoli le sei insegnanti, il bidello e il sacerdote.


(red.) Nessun colpevole. E' questa la sentenza in appello per i presunti casi di pedofilia su 23 bambini della scuola materna Sorelli di Brescia. La Corte martedì mattina ha scagionato le sei insegnanti, il bidello e un sacerdote, confermando quindi la sentenza di primo grado; che aveva di fatto catalogato le presunte violenze come una suggestione collettiva dei bambini (leggi qui).
Soddisfatti gli imputati, che rischiavano in tutto 125 anni di carcere (leggi qui). "Ritengo che questo sia l'epilogo corretto per questa vicenda", ha commentato l'avvocato della difesa Piergiorgio Vittorini. "Le persone che hanno subito questo calvario finalmente hanno ottenuto giustizia".
Per le famiglie dei piccoli, l'avvocato Renato Bianchi ha invece detto di attendere le motivazioni della sentenza, "e vedere perché i giudici non sono stati consenzienti rispetto all'appello delle parti civili".
L'assoluzione è arrivata dopo una camera di consiglio durata poco più di due ore. Le motivazioni dovranno essere depositate entro 90 giorni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.