Il centrodestra cittadino: “Noi, imbavagliati in commissione”

Brescia. “La maggioranza ha paura. Si avvicinano le elezioni e mette il bavaglio alla minoranza. In commissione si è verificato l’ennesimo vergognoso tentativo di impedire gli interventi ai consiglieri comunali”, dichiarano in una nota congiunta i capigruppo in Loggia di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, Massimo Tacconi, Mattia Margaroli e Paola Vilardi dopo la mancata discussione nella Commissione Cultura del comune di Brescia su una petizione riferita al museo di scienze naturali.
“Le petizioni sono uno strumento democratico”, continua il centrodestra cittadino. “Dalla presentazione deve poi nascere un confronto che consenta ai consiglieri di porre domande, chiedere spiegazioni e fare approfondimenti che permettano di svilupparne i contenuti. Per l’ennesima volta ci è stato negato questo diritto. La presidente Foresti ha tolto la parola alle minoranze in maniera unilaterale, interrompendo bruscamente la videoconferenza e non consentendo il dibattito. Una totale mancanza di rispetto delle basilari regole democratiche e dei cittadini. Faremo presente al sindaco quanto accaduto e porteremo il tutto in consiglio comunale, chiedendo le dimissioni della presidente di commissione Giovanna Foresti”.
“È un comportamento inaccettabile. Il presidente del consiglio comunale Cammarata chiarisca le procedure. Ormai il Pd bresciano ha di democratico soltanto il nome”, concludono.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.