Quantcast

Tari, dalla Loggia sconti per 3mila commercianti

Plafond di 670mila euro per la riduzione della IV rata Tari per commercianti ed esercenti (in forma di contributo) per oltre tremila utenze.

Più informazioni su

(red.) A seguito degli incontri con le associazioni di rappresentanza delle categorie economiche, il Comune di Brescia ha deciso di erogare un ulteriore sostegno economico a commercianti ed esercenti, categorie particolarmente colpite a causa degli effetti economici della crisi pandemica.

L’intervento, del valore totale di 670mila euro, consisterà in uno sconto della IV rata Tari per commercianti ed esercenti (in forma di contributo) per oltre tremila utenze.

Il sostegno sarà rivolto alle categorie del commercio al dettaglio (non alimentare), individuate tramite estrazione degli elenchi degli operatori economici delle categorie Tari 15 (commercio di beni durevoli), 24 (ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, mense, fast-food, gastronomie) e 25 (bar, caffè, pasticceria, birrerie), colpiti in modo particolare dalla crisi pandemica.

Il contributo è commisurato all’importo della Tari dovuta da una delle tre categorie elencate (15, 24 e 25) nella quarta rata (al netto del contributo provinciale Tefae partendo da un importo minimo di dieci euro), con il limite massimo di mille euro per ogni contribuente.

Per semplificare il meccanismo di intervento, come richiesto dalle Associazioni, non sarà necessario presentare un’istanza per ricevere il contributo. Quest’ultimo, invece, sarà erogato tramite l’emissione di un avviso di rettifica dell’addebito Tari 2021 (inviato entro settembre, in tempo per la scadenza del 16 ottobre 2021) con modelli F24 ridotti per il pagamento in unica soluzione o per la quarta rata, a scelta del contribuente.

Il contributo è erogato in modo automatico, senza che i beneficiari debbano presentare istanza, quindi senza aggravi procedurali per gli interessati, come richiesto dalle Associazioni di categoria.

“Il contributo”, si legge in una nota della Loggia, “si aggiunge agli sconti già deliberati in precedenza. L’insieme delle azioni messe in campo dal Comune rappresenta anche un tangibile sostegno alla ripartenza del settore commerciale cittadino”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.