Quantcast

Forza Italia: ecco come Brescia deve uscire dal coronavirus

Il gruppo consiliare cittadino lancia una serie di proposte “post COVID-19” e propone una tregua alla maggioranza.

(red.) Nel rimarcare la posizione politica di Forza Italia di essere distinti e distanti dall’attuale maggioranza, il gruppo consiliare azzurro, anche in seguito all’emergenza coronavirus, ha lanciato una serie di proposte per essere una opposizione costruttiva e non polemica.

“Il nostro obbiettivo”, spiega una nota, “è quello di lavorare per costruire una Brescia più forte e protagonista e recuperando lo stesso spirito del dopoguerra. Il Gruppo Comunale di Forza Italia, in accordo con il Coordinamento Cittadino, ha predisposto alcune prime proposte da presentare alla Commissione che si riunirà per analizzare la situazione “post COVID-19”, alla Giunta e a tutto il Consiglio Comunale, con l’intento di collaborare e trovare le migliori soluzioni per affrontare questo difficile periodo”.

“Lavoriamo uniti e responsabilmente per la nostra città”, prosegue il comunicato, “ma chiediamo di essere coinvolti nella fase di ripresa. Le commissioni consiliari finalmente tornano a lavorare, un po’ in ritardo, ma l’attività riprende. Noi ci siamo sempre stati e continueremo a sostenere i nostri cittadini. Abbiamo appena inaugurato la pagina Facebook del Gruppo Consiliare, per informare maggiormente i nostri cittadini dell’attività comunale e per raccogliere tutte le idee e le proposte che vorranno inviarci.

Ma cosa propone Forza Italia per la città di Brescia?

Aiuti concreti alle famiglie in difficoltà e a quelle con ISEE fino a 45mila€;
• Mutui famigliari: il comune dovrebbe predisporre delle risorse da destinare alle famiglie bresciane con un reddito ISEE massimo di 45.000,00. Il contributo potrebbe essere a forfait (esempio 400 euro a famiglia) per contribuire alle spese di questo mese di aprile per il pagamento del mutuo per la prima casa (dove risieda la

famiglia). Ovviamente la famiglia non deve avere altri immobili nel comune di Brescia e/o nel territorio italiano.

• Grest: vista l’attuale situazione, bisognerebbe fare un accordo con tutti gli oratori (Centro Oratori Bresciani della Diocesi di Brescia) chiedendo di aprire nei mesi di Giugno e Luglio dando risorse a contributo (maggiori rispetto a quelle offerte normalmente) per realizzare dei mini centri estivi con piccoli gruppi di partecipanti distribuiti in vari spazi degli oratori e  spazi cittadini che, ovviamente, dovranno essere strutturati seguendo tutti i provvedimenti anti Covid-19. L’accordo potrà (o dovrà) essere fatto con cooperative che già attuano percorsi magari utilizzando anche maestre e insegnanti della scuola dell’infanzia e della scuola primaria (comunali e/o convenzionate).
Si potrebbero utilizzare anche gli spazi delle scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di I Grado che, presumibilmente, rimarranno chiuse nel periodo di giugno e luglio dopo una sanificazione dei locali.

Commercio
• Azzeramento della tassa per l’occupazione del suolo pubblico (Tosap/Cosap) a ristoranti, bar e pizzerie fino alla fine del mese di ottobre 2020.

Città
• Musei gratis per luglio e agosto (con le dovute precauzioni sanitarie) per rilanciare il turismo;
• Prorogare fino alla fine di ottobre/novembre il pagamento di tutte le tasse comunali (quelle che già sono state rinviate al 30 giugno 2020).

Per permettere alla città di essere pronta ad attuare interventi anche contenitivi ed eventualmente pronti a situazioni di emergenza future, crediamo sia fondamentale istituire una task force formata da soggetti identificati insieme dal Consiglio Comunale di Brescia che, gratuitamente, si metta a disposizione della città per studiare e proporre interventi futuri di valorizzazione e di crescita. In tale gruppo di lavoro dovranno essere inserite figure cittadine che abbiano già avuto esperienze amministrative di gestione del territorio.

Per realizzare tali interventi si rende necessario utilizzare alcune risorse del dividendo di A2A (presumibilmente 8/9.000.000 di Euro)

Proposta di Legge di R.L.

A Brescia arriveranno 2 milioni per opere cantierabili e speriamo che si aggiungano altre risorse. Nel frattempo chiediamo al Comune di individuare immediatamente le priorità, tenuto conto che i lavori dovranno cominciare entro la fine di ottobre di quest’anno, pena il decadimento dal beneficio.

Noi proponiamo di investire subito nella mobilità sostenibile raddoppiando postazioni di bici mia e bici elettriche. In questo modo aiutiamo anche BsMobilità che in questi mesi ha visto un crollo delle proprie entrate. Mobilità sostenibile ed interventi di ristrutturazione di immobili pubblici che potranno servire in prospettiva.

Gruppo di lavoro per sostegno psicologico
Creazione di un gruppo di lavoro per il sostegno psicologico dei cittadini, per aiutarli ad affrontare questo delicato momento sanitario, economico ed emotivo.
Il centralino messo a disposizione dal Comune è da rafforzare con interventi più concreti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.