Termoutilizzatore, al via un nuovo studio

L'università Statale di Brescia e il Politecnico di Milano sono stati incaricati dalla Loggia per fornire dati aggiornati riguardo l'impianto cittadino.

(red.) La Loggia ha affidato a due università, precisamente la Statale di Brescia e il Politecnico di Milano, il compito di studiate il termoutilizzatore cittadino. L’impianto è stato il protagonista di numerosi dibattiti soprattutto dopo la partenza del nuovo sistema di raccolta differenziata.

Un progetto di studio dal costo di 48mila euro, che avrà lo scopo di fornire dati precisi sulle emissioni e sul potere calorifico, ossia in merito all’energia che l’impianto restituisce alla città. La decisione è stata presa in quanto i dati in possesso oggi sono ormai vecchi e ne servono di nuovi per poter sviluppare un dibattito e delle riflessioni attendibili.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.