Quantcast

Campus universitario al Ronchettino

Idea arrivata dal consiglio di quartiere al Crocifissa di Rosa. La struttura sarebbe vicina alla Statale e Cattolica. Il Comune sta valutando.

Più informazioni su

Ronchettino(red.) Sul tavolo del sindaco di Brescia Emilio Del Bono e dell’assessore all’Urbanistica Michela Tiboni è arrivata una proposta per costruire il campus universitario nella zona del Ronchettino. L’area è di proprietà dell’ospedale Civile di Brescia e ospita vari ambulatori pediatrici. Sedi che l’azienda trasferirà nella sede centrale con l’intenzione di vendere tutto lo spazio. Allestire una zona di posti letto e dove studiare a favore degli universitari consentirebbe di avere la statale e la Cattolica a poca distanza. L’idea, di cui ne dà notizia il Corriere della Sera, è stata presentata nel consiglio di quartiere al Crocifissa di Rosa. L’occasione è stata quella di vedere la variante al piano di governo del territorio. Documento che sul posto prevede un’area residenziale e servizi medici e sanitari.
Sul terreno dove si trova il Ronchettino, in Pusterla, un privato voleva costruire una casa di riposo, ma poi una struttura simile è stata allestita nella vecchia Poliambulanza. Il campus universitario, di cui si parla da anni, non sarà realizzato nell’ex caserma Ottaviani, quindi il Ronchettino, secondo la proposta, sarebbe la soluzione ideale. Mentre palazzo Loggia sta valutando di costruirlo nell’ex ospedale dei Bambini in via Vittorio Emanuele. Dal consiglio è anche emerso come la presenza di una struttura del genere possa aiutare i commercianti locali. Sul fronte del Pgt, come riporta ancora il Corsera, dall’assemblea sono emerse le idee per una pista ciclabile che colleghi piazza Arnaldo all’ospedale Civile, la sistemazione del parco di via Turati e una biblioteca con aule studio in una parte della scuola professionale Moretto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.