Quantcast

Emergenza casa, calano le risorse a disposizione

Il fondo affitti del Comune di Brescia per il 2013 ammonta a 150mila euro cui si aggiungono 375mila euro dalla Regione. Criteri di assegnazione sempre più stretti.

(red.) Ammonta a 150mila euro, per il 2013, il fondo affitti del Comune di Brescia per soccorrere le situazioni di grave disagio abitativo.
Una realtà, quella degli sfratti, che, nel 2012, tra Brescia e provincia, ha toccato quota 2.303, il 16% in più rispetto al 2011.
Insieme alle risorse messe in campo dalla Loggia ci sono quelle di Regione Lombardia che ammontano a 375mila euro, in netto calo rispetto agli anni precedenti (nel 2011 erano state 1,64 milioni di euro).
Come ha spiegato Alberto Berardelli, dirigente del settore Casa della Loggia, riducendosi la quota di fondi diventano sempre più strette le maglie per accedere ai contributi comunali e regionali. I criteri di assegnazione, dunque, diventano sempre più ristretti.
La soglia Isee per poter accedere al fondo affitti della Loggia quest’anno è fissato a 4.131 che si alza a 8mila se il nucleo familiare è composto da due persone che percepiscono la pensione minima.
Per il 2013 si attendono circa 500 domande, in netto calo rispetto agli anni precedenti quando, ad esempio sempre nel 2011, erano state quasi 3mial e e309 nell’anno successivo.
Due le tipologie di sostegno previste: la prima, che prevede un’erogazione massima di 1000 euro è destinata  alle condizioni di grave difficoltà economica (Isee 4.131 euro), mentre la seconda è destinata alle situazioni di morosità incolpevole e prevede che i 1500 euro stanziati vadano al proprietario di casa che da almeno tre mesi non vede corrisposto il canone di affitto.
La presentazione delle domande partirà il prossimo 2 settembre. Per presentare le domande è possibile rivolgersi agli uffici del Comune in piazza Repubblica, ma anche ai Centri di assistenza fiscale. Al momento hanno aderito  Acai, Acli, Cgil, Cisl, Coldiretti, Mcl e Uil e l’elenco completo sarà pubblicato dal Comune online il 6 settembre. C’è tempo fino al 31 ottobre per inoltrare le domande.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.