Quantcast

Labolani, bilancio (positivo) di fine mandato

L'assessore ai lavori pubblici, al verde pubblico e al centro storico di Brescia ha dato i numeri dei lavori effettuati nel quinquennio, pari a 224.933.795 euro.

(p.f.) Soddisfatto per il lavoro fatto, nonostante la riduzione progressiva delle risorse. Positivo il bilancio di cinque anni di attività per Mario Labolani, assessore con delega ai lavori pubblici, al verde pubblico e al centro storico, che ha voluto ringraziare i tecnici del Comune di Brescia che hanno lavorato con lui, in una conferenza stampa di fine mandato.
“E’ giusto relazionare ai cittadini bresciani quanto svolto. In questa campagna elettorale si sentono molti pseudo-candidati sindaco fare promesse. Io parto dai dati concreti delle cose realizzate”. 224.933.795 euro la cifra spesa nel quinquennio 2008-2013, di cui: 19.117.000 per la manutenzione di spazi aperti, 5.600.000 per il centro storico 6 milioni per l’edilizia monumentale, 17.500.000 per la progettazione, 4.700.000 per gli edifici pubblici, 27.730.000 per l’edilizia scolastica, 86.424.000 per le strade, 42.514.592 per gli interventi sulle case. “Quando siamo arrivati”, ha spiegato, “nel 2008,  c’era una situazione economica florida, da A2A arrivavano 76 milioni di dividendi, per cui ci si poteva assumere impegni di spesa per un certo tipo. Noi ci siamo trovati anno per anno a individuare le priorità e chiedere quali erano le opere più importanti”.
Tra gli interventi che Labolani ha sollecitato con più urgenza ci sono quelli del verde pubblico. “Le richieste dei cittadini arrivano soprattutto per il verde. Nel 2008, a bilancio c’erano 10 milioni, quest’anno, 1,8milioni. Prima potevamo permetterci di fare 16 tralci d’erba all’anno, ora 10. Nonostante questo abbiamo aumentato di 600mila mq il verde, aumentato il numero di  piante, le aree giochi, abbiamo creato aree per i cani, aumentato i pozzi d’acqua”. Per quanto riguarda il centro storico, settore nuovo per l’amministrazione, Labolani ha ricordato i piani di recupero, non sempre andati a buon fine per problemi burocratici. “Soddisfazione, poi, sulla neve: non abbiamo mai avuto problemi abbiamo seguito il tema con grande attenzione”. Costo dei piani neve, 3.570.000 euro. Una vittoria anche i 10 punti acqua (“che erogano la stessa acqua dei rubinetti di casa, che è potabile, nonostante le fandonie di pseudo-ambientalisti”) e il protocollo con A2A per la gestione dei 1600 chiusini.
“Prima ne facevano pochi. Per il prossimo mandato, va fatto ragionamento per ridurre i costi delle asfaltature, ad esempio lasciando le profilature solo per le strade non battute dai mezzi pesanti, mentre su strade particolarmente frequentate toglierei la profilatura, lasciando solo l’asfalto, con una sensibile riduzione dei costi”. Altro tema da prendere in mano, quello, per quanto riguarda i cimiteri, quello dei loculi scaduti.
“Fare cimiteri costa, bisognerebbe rivedere la questione
dei loculi scaduti di cui nessuno più si preoccupa”. Il più grande rammarico, invece, riguarda la Pinacoteca. “Dispiace non averla conclusa, ma lungo la strada abbiamo trovato più insidie del previsto. Così come dispiace che per la piscina di Mompiano ci siano voluti 7 anni. Molti ritardi, come per la scuola Arici Sega, non sono imputabili all’amministrazione. Il punto è che viviamo in un momento difficile perché abbiamo le azienda che, quando vincono l’appalto, sono solidissime e poi, invece, saltano”. In vista delle amministrative, Labolani chiede ai cittadini di premiare il lavoro svolto. “I cittadini hanno la possibilità di scegliere. Non mi piace che venga detto che non abbiamo fatto nulla. Nell’assessorato, c’è gente che ha lavorato tantissimo pur con poche risorse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.