Quantcast

Brescia, un nuovo look per il Duc

L’Unesco entra infatti nel logo del Distretto urbano del Commercio, che è stato riaggiornato alla luce del riconoscimento ricevuto da Brescia per Santa Giulia e il Capitolium.

Più informazioni su

(p.f.) Nuovo look per il Duc. L’Unesco entra infatti nel logo del Distretto urbano del Commercio, che è stato riaggiornato alla luce del riconoscimento ricevuto da Brescia per Santa Giulia e il Capitolium.
“E’ stata attivata subito una collaborazione virtuosa tra Duc e Unesco Italia Longobardorum”, ha spiegato l’assessore al marketing Maurizio Margaroli, “visto che l’area del Duc di Brescia e la buffer zone del sito Unesco coincidono. Il logo sarà esposto nei negozi del distretto urbano”.
I due progetti, Duc e sito Unesco, hanno ciascuno un proprio piano d’azione, ma sono contraddistinti da finalità e interventi trasversali. In particolare, tutti e due i siti investono sull’attività promozionale, impegnandosi a coordinare i contenuti e la forma. E poi, puntano entrambi alla valorizzazione complessiva del sistema socio-economico-culturale della città, investendo sul settore commerciale quale volano di sviluppo, servizio, coesione e animazione economica e sociale del suo centro storico. Il nuovo logo corona questa sinergia, creando una nuova identità.
“La valorizzazione della città anche dal punto di vista economico”, ha sottolineato l’assessore Andrea Arcai, “è anche uno degli obiettivi del sito Unesco”. E in attesa della cerimonia del 18 giugno, a cui parteciperà il ministro Ornaghi e probabilmente anche il presidente della Regione Formigoni, che renderà ufficiale l’ingresso di Brescia tra i patrimoni Unesco, si contano già i primi risultati. A maggio 2012, il museo di Santa Giulia ha fatto registrare 39.519 ingressi, contro i 49.748 dell’intero anno 2011. “Il 75% dei giapponesi”, ha commentato l’assessore alla cultura Andrea Arcai, “che vanno all’estero sceglie come meta un sito Unesco. Brescia ha davvero una grande opportunità: stiamo lavorando per utilizzarla al meglio”.
E tra gli obiettivi c’è quello, appunto, promuovere anche le attività commerciali del centro. “Stiamo lavorando, insieme all’amministrazione”, ha aggiunto il presidente di Bresciatourism Alessio Merigo, “per trasformare Brescia da città del tondino in città di cultura. Abbiamo organizzato ad esempio il primo workshop italiano dedicato all’Arte nelle città, in salone Vanvitelliano. Ora, questa nuova sinergia tra Duc e Unesco darà nuovo impulso”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.