Quantcast

Broletto, ribaltone a elezioni: Sarnico e non Giraudini

Il sindaco di Ospitaletto ha ottenuto il riconteggio che ha confermato il nuovo scenario. Ma il primo cittadino di Villa Carcina potrebbe ricorrere al Tar.

(red.) Colpo di scena ieri, lunedì 18 marzo, dopo il voto per il rinnovo del Consiglio provinciale di Brescia ad opera di sindaci e consiglieri comunali. Durante la verifica è stato accertato che il centro destra ha superato il centro sinistra, riportando rispettivamente 8 consiglieri contro 7. E questo non è in discussione. Ma la proclamazione prevista per ieri a palazzo Broletto è stata rinviata a data da definire per quanto è sorto durante l’analisi delle schede.

Si parla di “Comunità e Territorio”, la lista di centro sinistra per la quale era da stabilire chi fosse l’ultimo degli eletti. E qui è avvenuto lo scontro tra Giovanni Battista Sarnico sindaco di Ospitaletto e Gianmaria Giraudini primo cittadino di Villa Carcina. Il primo ha recriminato il fatto di aver preso più preferenze rispetto al collega, ma poi non risultato esserci nelle schede. Quindi, è stato chiesto e ottenuto il riconteggio che ha confermato il ribaltone da parte di Sarnico su Giraudini. A questo punto il sindaco di Villa Carcina potrebbe anche rivolgersi al Tar di Brescia contro il nuovo esito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.