Provincia, si tagliano anche i dirigenti

Il Broletto risparmierà 600 mila euro all'anno di compensi per i vertici. Nel 2016 via altri tre e poi chi resta fino al 2018 e come ruolo.

Più informazioni su

broletto-preffettura-provincia(red.) Il Broletto, dopo la riforma degli enti locali che non lo vede più come ente provinciale vero e proprio, sta abbattendo la scure sui dipendenti, ma anche i dirigenti non sono esclusi. Come riporta il Corriere della Sera, il responsabile di Risorse, Servizi finanziari, Attività culturali e Turistiche Dario Fenaroli è andato in pensione. Entro l’anno seguiranno la stessa strada Ivano Corini per gli Affari generali e Appalti e Domenico Lippolis per i Giovani e Sport.
Altri tre, tramite la legge Fornero, saranno nel 2016 e si parla di Giacomo Pagani per Lavoro e Bilancio, Carlo Faccin di Lavori Pubblici e Trasporti e Giuseppe De Feudis per la Motorizzazione. Un’uscita dal lavoro che consentirà al Broletto di risparmiare 600 mila euro all’anno (ogni dirigente costa circa 100 mila euro). Al contrario, tre resteranno fino all’ottobre del 2018 con il termine del mandato, mentre cinque rimarranno.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.