Quantcast

Autonomia? “Sì con riserva su referendum”

Mottinelli interviene sulla proposta Maroni: "Si può fare, a patto che Maroni non utilizzi autonomia per accentrare il potere".

broletto Giunta(red.) Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, interviene in merito al tema dell’autonomia della Lombardia, viste le posizioni del Sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, del Sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, e del Presidente della Provincia di Bergamo, Matteo Rossi. «Sindaci e Comuni – ha dichiarato – sono le prime sentinelle dello Stato sul territorio; Governo e Regione Lombardia devono riconoscere questo ruolo nell’attuazione del principio di sussidiarietà e di equità ».
Pur nel rispetto delle posizioni espresse dagli organismi del Partito Democratico, che disegnano strade alternative al referendum proposto dal Presidente Maroni, secondo Mottinelli consultare la popolazione rispetto al tema dell’autonomia della Lombardia è una modalità da tenere in considerazione. «Quando si chiede al Governo una maggiore autonomia che riconosca le diversità territoriali delle Regioni, si chiede anche che Regione Lombardia riconosca la stessa prerogativa a Province e Comuni. L’Attuazione della Legge Delrio ha invece visto in generale un Consiglio Regionale più attento alle proprie prerogative, in una sorta di neocentralismo che non ha tenuto conto delle nuove funzioni delle Province, “Case dei Comuni”, e degli oltre 1500 Comuni presenti in Lombardia, organizzati in Unioni e Comunità Montane».
Mottinelli appoggia la richiesta di maggiore autonomia della Lombardia, chiedendo però di uscire dalle dinamiche di maggioranza e minoranza, sviluppatesi nel Consiglio Regionale, per passare a un’azione comune, magari da trovarsi all’interno del Cal (Consiglio delle Autonomie Locali) che veda interloquire con il Governo i Sindaci, i Presidenti delle nuove Province, e Lombardia. «L’unico dubbio che va scongiurato – ha concluso – è che una volta ottenuta una maggiore autonomia, il Presidente Maroni rafforzi il centralismo regionale e non trasferisca risorse e competenze agli Enti Locali, che garantiscono servizi ai cittadini e lavorano per il bene delle comunità e dei territori che rappresentano. Patti chiari e precisi per un’azione comune a favore di un nuovo sistema lombardo delle autonomie locali».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.