Quantcast

Ristorazione, 12 stelle bresciane nel firmamento della Guida Michelin

Più informazioni su

(red.) Nel firmamento delle stelle della ristorazione inserite nella 67esima Guida Michelin, si aggiunge un altro ristorante, la Speranzina Restaurant & Relais di Sirmione, tra i 35 nuovi locali ammessi nel gotha della ristorazione italiana.
A guidare la Speranzina lo chef Fabrizio Molteni, 44 anni, originario di Como ed allievo di Gualtiero Marchesi, che dal 2019 è patron del locale gardesano.

La serata di presentazione della “bibbia” della ristorazione italiana si è svolta ad Erbusco, in Franciacorta, eletta da Michelin “destination partner” per il prossimo triennio.
Perde invece, dopo quattro anni,  la propria stella Villa Giulia di Gargnano a motivo dell’addio dello chef Maurizio Bufi che ha lasciato il ristorante dopo 10 anni di attività.
Tra le conferme, con una stella, il Lido 84 di chef Riccardo Camanini, due stelle per Miramonti l’Altro di chef Philippe Léveillé, e il Grand Hotel di Villa Feltrinelli, con la cucina di chef Stefano Baiocco. Assente anche Da Nadia ad Erbusco, chiuso a marzo.

Sono 12 i ristoranti del bresciano che compaiono nella prestigiosa guida: oltre ai già citati, confermano una stella (da 34 anni consecutivi) il Gambero di Calvisano, l’Esplanade a Desenzano, il Capriccio di Manerba, le Due Colombe di Borgonato di Corte Franca, il Tortuga di Gargnano e il Leon d’Oro a Pralboino, il Sedicesimo Secolo di Orzinuovi.
Nella graduatoria dei Big Gourmand, le “faccine” sorridenti assegnate ai locali che offrono un’ esperienza gastronomica con menù completo a meno di 35 euro ci sono: Eva a Botticino, Porteri a Brescia, Villa Aurora a Soiano, Il Cortiletto a Toscolano, a cui si aggiungono Dalie e Fagioli di Manerba, Da Sapì a Esine e l’Osteria della Villetta a Palazzolo sull’Oglio.

Nessuna “stella verde”, assegnata ai ristoranti che si distinguono nel tema della sostenibilità, è stata invece assegnata ai ristoranti bresciani.

A livello nazionale, nella categoria tre stelle sono stati confermati tutti e 11 i ristoranti a tre stelle: Dal Pescatore, Da Vittorio, Duomo , Enotoca Pinchiorri, Enrico Bartolini al Mudec, La Pergola, Le Calandre, Osteria  Francescana , Reale, St.Hubertus e Uliassi.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.